STAGIONE ARTISTICA 2018/19 di GRADISCA d’ISONZO Un successo di pubblico

Sono quasi 10.500 gli spettatori che hanno frequentato il Nuovo Teatro Comunale di Gradisca d’Isonzo e la Sala Bergamas nella stagione artistica appena conclusa. Numeri che inorgogliscono e che confermano la fidelizzazione e il costante interessamento dell’intera cittadinanza al teatro. Il programma artistico programmato ha interessato 6753 persone attratte dalla prosa (231 gli abbonati), dalla danza, dagli spettacoli dedicati ai ragazzi e ai bambini, alle innumerevoli attività formative e laboratoriali. Un successo che premia la scelta artistica firmata da Walter Mramor dimostrato dal riscontro del pubblico che ha espresso un gradimento altissimo per tutte le proposte in cartellone.

Il più alto consenso è andato a due commedie leggere e argute sulle dinamiche di coppia e le incomprensioni e disastri familiari: ‘Alle 5 da me’ di Pierre Chesnot con Gaia De Laurentiis e Ugo Dighero, una divertente commedia sulla ricerca sfrenata di un partner e sulle improbabili soluzioni della vita di coppia e ‘La casa di famiglia’, interessante ed esilarante quadro di una famiglia d’oggi allo scompiglio tra fratelli a causa di un’improvvisa eredità. Molto apprezzato anche il giovane e talentuoso Luca Bono che ha incantato ed ammaliato il pubblico riempiendo ogni ordine della sala. Gli applausi però non sono mancati per l’intera stagione e per le “divine” Ariella Reggio, Milena Vukotic e Monica Guerritore.

Molto successo anche l’appuntamento con “Viaggio nella Scatola Magica’, la visita teatralizzata creata appositamente per il Teatro Nuovo e che a grande richiesta sarà riproposta la prossima stagione.

Anche gli appuntamenti di danza sono stati accolti con entusiasmo da un buon numero di presenze che hanno apprezzato la qualità e la professionalità delle due compagnie ospiti. «Il Progetto gradiscano è importante ed ambizioso – sottolinea Walter Mramor -. Devo ringraziare il numeroso pubblico, colto, preparato ed affezionato al suo teatro e l’Amministrazione Comunale sempre presente ed attenta alla crescita culturale e il cui concreto sostegno è fondamentale per dare respiro ad un progetto di grande valenza per l’intera comunità. Il Nuovo Teatro di Gradisca d’Isonzo si è ritagliato a pieno diritto un posto tra i più importanti teatri regionali»




“Contaminazioni digitali” il Festival multimediale partirà il 6 giugno

Arte e tecnologia si incontrano a Contaminazioni digitali, il Festival multimediale itinerante all’insegna della sperimentazione, compenetrazione e interconnessione dei linguaggi artistici contemporanei.

Il maestoso monumento Ara Pacis Mundi di Medea e gli spazi urbani, gli edifici, i giardini di Cormons eArtegna diventano, a partire da giovedì 6 giugno per due weekend (6 giugno Medea, dal 7 al 9 giugno Cormons, dal 21 al 23 giugno Artegna), protagonisti di performance, video, concerti, mostre fotografiche, street art, proiezioni e workshop che intercettano territori d’esperienze condivise con il pubblico e spazi collettivi di svago.

Leonardo. Corpi e anime è il focus della terza edizione del Festival Contaminazioni digitali, promosso dal Comune di Artegna e dalComune di Cormons e curato dall’Associazione Quarantasettezeroquattro in collaborazione con il CSS Teatro stabile di innovazione del FVG con il contributo di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Camera di Commercio della Venezia Giulia.

Ad inaugurare Contaminazioni digitaligiovedì 6 giugno ore 21.30 all’Ara Pacis Mundi sul colle diMedea (Gorizia), lo spettacolo multimediale 1918: Un mondo nuovo? che coniuga i linguaggi del teatro e della musica con le potenzialità espressive offerte dalla tecnica del videomapping architetturale.

Scritto e realizzato dall’Associazione 47/04 con gli studenti del Liceo Petrarca di Trieste, 1918: Un mondo nuovo?  intende raccontare le conseguenze della Prima Guerra mondiale sulle popolazioni e le società europee.

Fra i protagonisti a Contaminazioni digitali domenica 9 giugno, giornata realizzata in collaborazione con laFieste da Viarte, alle ore 18 aCormons (Piazza XXIV maggio) la compagnia di danza contemporaneaArearea riscopre e trasforma spazi dell’agire quotidiano in luoghi performativi con lo spettacolo di danza urbana itinerante Le Mura(Piazza XXIV maggio).

A seguire, chiude la giornata alle ore 21.30 a Cormons (Piazza XXIV maggio), il rapper e cantautore friulano Doro Gjat con il suo nuovo live show Il ragazzo Doro.

Il concerto/spettacolo alterna alla musica suonata assieme alla sua band, formata da Elvis Fior alla batteria, Luca Moreale alla chitarra e ai cori, Mirko Caso al basso e Giacomo Santini alla chitarra acustica e alle percussioni, parti recitate.

mtr




il Crocevia al Belforte di Monfalcone alle 17.3O presenta il libro “Una spia in laguna”,

Sabato 18 maggio, per la rassegna culturale il Crocevia al Belforte di Monfalcone all17.30, presentazionecon l’autore Prof. Cristiano Meneghel e l’editore Dott. Mario Fontana– in collaborazione con Mondadori Store –del libro “Una spia in laguna”, thriller ambientato tra Venezia, Grado e Trieste nel XVII secolo.

Il protagonista, Giovanni Moroni, è un “veneziano” cresciuto dal padre per seguire le sue orme di

Cristiano Meneghel

commerciante e soprattutto di spia a favore della Serenissima. Un bel giorno parte alla volta di Grado prima e di Trieste poi. Nel suo peregrinare lungo la costa non manca di muoversi verso l’interno, verso Aquileia e Palmanova, e di imbattersi in una donna che lo piega alla passione. Descrizioni accurate dei luoghi, delle condizioni di vita dell’epoca e uso dei dialetti veneziano e gradese permettono di calarsi nelle vicende di Moroni e di viverle insieme a lui.




GRADO, L’ISOLA DEL SOLE AL VIA UNA STAGIONE FRIZZANTE E RICCA DI PROPOSTE

Dall’Archeobus al Fish Nic, dal Boat&Bike “Laguna experience” ai corsi di cucina

 

Grado è nota come l’“Isola del sole” per le sue spiagge dorate esposte a sud e baciate dal sole per l’intera giornata. Nell’Alto Adriatico, tra Trieste e Venezia, una storia millenaria alle spalle, è una superattrezzata destinazione turistica, perla delle località balneari del Friuli VG. Il caratteristico borgo marinaro è unito alla terraferma da un sottile lembo di terra sul quale scorre, tra l’altro, l’ultimo tratto della ciclovia Alpe Adria, la suggestiva pista ciclabile che collega Grado a Salisburgo. L’ “Isola d’oro”, dall’impronta veneziana, è impreziosita da un dedalo di un centinaio di isolotti che le fanno da corona e formano la sua suggestiva laguna. Il suo centro storico è di una bellezza senza tempo: un labirinto di calli, piazzette e campielli; un porto che rappresenta il salotto cittadino e punto di approdo per le attività dei pescatori; un lungomare quasi sospeso tra terra e cielo che regala irripetibili tramonti e dove è piacevole passeggiare in ogni stagione. Per i turisti, strutture alberghiere adatte a soddisfare tutte le esigenze; servizi di ristorazione per palati sopraffini; stabilimenti balneari di livello internazionale sui quali, da oltre 30 anni, sventola la “Bandiera blu”, un record nazionale (oltre alle 10 Bandiere verdi consecutive, promosse dai pediatri italiani); una natura incontaminata; attività culturali e di intrattenimento per tutta la famiglia, con un’ampia offerta sportiva, rievocazioni storiche, occasioni di svago, divertimento, shopping, riposo e benessere a 360 gradi.

 

    Tramonto in mongolfiera

Archeobus, Fish Nic, Boat & Bike “Laguna experience” e Bus Natura: si parte

Nota per la sua eccellente e particolare cucina e i suoi ottimi ristoranti, Grado è animata nel corso di tutto l’anno da una serie di interessanti manifestazioni, spettacoli e inconsueti servizi per i propri ospiti.

Già dal mese di aprile (tutti i mercoledì) è possibile, a esempio, salire sull’Archeobus e visitare i resti archeologici della vicina Aquileia accompagnati da una guida turistica e degustare alcuni prodotti tipici locali. Da maggio invece, una volta al mese, gli amanti del buon cibo possono partecipare al Fisch Nic godendosi, nella stessa giornata, la bellezza della natura e la bontà dei piatti preparati en plein air da cuochi stellati, in una location assolutamente informale, ovvero una valle da pesca su un isolotto della laguna di Grado (il primo appuntamento è fissato per il 19 maggio).  

E ancora: tutti i venerdì, a partire dal 17 maggio, i turisti possono salire con la bici sul battello del “Boat&Bike -Laguna experience” che porta a Marano Lagunare e attraversare in sella alla due ruote i borghi storici della Riviera friulana, per poi rientrare a Grado; tutti i lunedì (dal 13 maggio), conoscere le splendide caratteristiche naturali delle Riserve della Val Cavanata e dell’Isola della Cona, seduti comodamente sul Bus Natura, oppure, al crepuscolo, “volare” su una mongolfiera in volo vincolato per abbracciare tutta l’Isola dall’alto (30 maggio, 27 giugno e 13 agosto). Fra le altre attività, ogni martedì dal 7 maggio al 27 settembre, vengono organizzati show cooking, con degustazione finale, per scoprire i segreti del più tipico piatto gradese, il Boreto a la graisana.

Fish Nic

 

 

I luoghi di Medea

Nel 2019 ricorrono i 50 anni delle riprese di “Medea”, film girato da Pier Paolo Pasolini con Maria Callas. Nell’occasione, il Consorzio Grado Turismo, in collaborazione con l’associazione “Graisani de Palù”, organizza due volte al mese, il giovedì (a partire dal 9 maggio), una visita guidata al Casone lagunare di Mota Safòn, set di numerose riprese effettuate dal grande regista friulano che scrisse: «Grado è a due passi, appena oltre Aquileia, oltre il nuovo sottile ponte, piatto tra le isole, la piatta acqua lagunare. Il grigio-azzurro del suo cielo e il verde dei suoi alberi friulani, il vermiglio e il cobalto attutiti dal suo porticciolo e l’oro dei capelli della sua gioventù, ne fanno un luogo dell’anima».

 

Informazioni:

Consorzio Grado Turismo

www.grado.itinfo@gradoturismo.org

www.grado.infoturismo@comunegrado.it




TEATRO COMUNALE DI CORMONS ‘Bellanda Suite IV’ una due giorni di hip-hop, breakdance e danza contemporanea 25 e 26 mag

Dopo il successo delle scorse edizioni, torna la due giorni dedicata all’hip-hop, alla breakdance e alla danza contemporanea al Teatro Comunale di Cormons, sabato 25 e domenica 26 maggio 2019: ‘Bellanda Suite IV’, organizzato dalla Compagnia di danza Bellanda in collaborazione con Ente Regionale Teatrale del FVG e a.ArtistiAssociati, e con l’Associazione Culturale CeRiDa di Cormons, si prefigge di avvicinare i giovani talenti a tutte le sfaccettature della danza, abbattendo i pregiudizi che limitano la sperimentazione di concetti e promuovendo il confronto per mettere in risalto le similarità ed i denominatori comuni di ogni disciplina.

 

Il pomeriggio di sabato 25 maggio sarà dedicato ai giovani danzatori o amanti della danza, ai quali sarà offerta la possibilità di respirare l’atmosfera del teatro, trovare nuovi spunti da approfondire ed entrare in contatto con i professionisti del settore. Dalle 15.30 alle 17 il teatro ospiterà il Workshop condotto da Pablo Girolami e Giacomo Todeschi; dalle 17 alle 19 invece sarà la volta del Workshop/Audizione con Loris Petrillo.

A partire dalle 21 la serata si comporrà di cinque performance che spaziano tra i generi: la Compagnia Abbondanza Bertoni proporrà la performance finale del laboratorio svoltosi al Ce.Ri.Da di Cormons; la Compagnia Petrillo Danza presenta la Prima Nazionale di ‘Impromptu no.2’; la Compagnia Bellanda si esibisce in ‘Sono solo tuo padre’ mentre chiudono la serata le due creazioni selezionate tra più di 100 attraverso un bando: ‘Fucking Beautiful’ di Natalie Bury e ‘Manbuhsa’ con Pablo Girolami e Giacomo Todeschi (in programma anche alla prossima Vetrina della Giovane danza d’Autore di Ravenna). Biglietteria aperta dalle 20.

Il pomeriggio di domenica 26 maggio vedrà protagonista il CONTEST di improvvisazione EXPERIMENTAL 1 VS 1, un momento di scambio,  confronto e grande stimolo per giovani ma anche per professionisti. Biglietteria aperta dalle 15 ed inizio qualificazione alle 15.30. Il Contest sarà osservato da un’attenta giuria composta da Antonella Bertoni, Michele Abbondanza, Loris Petrillo e un “Lucky Loser”, ovvero un danzatore estratto a sorte tra gli esclusi alle qualificazioni. La musica, protagonista assieme alla danza, sarà a cura di Dj Cic. 1 e di Dee Jay Park. Gran finale con l’esibizione della Crew ospite Disconnection.

Per informazioni ed iscrizioni agli workshop e al contest sarà necessario rivolgersi a Giovanni Leonarduzzi (340 4018674).




MONFALCONE: Si è conclusa con un enorme successo la straordinaria mostra “Crali e il Futurismo. Avanguardia culturale”.

Più di 10.000 persone, provenienti da tutta Italia e dall’estero, hanno visitato e apprezzato la mostra “Crali e il Futurismo. Avanguardia culturale” organizzata (dal 22 febbraio al 12 maggio) e promossa dal Comune di Monfalcone con l’obiettivo – centrato pienamente – di rilanciare l’attività espositiva della Galleria comunale d’Arte Contemporanea, che non aveva mai raggiunto simili risultati (oltre 600, inoltre, i cataloghi venduti).

_FASAN_FEDRIGA

Vincente è stata anche la scelta di ampliare l’orario di apertura estendendolo alle domeniche pomeriggio e a tutto il periodo pasquale, offrendo la possibilità di assistere alla visita guidata gratuita. Tali incontri sono stati sempre affollatissimi, con una media di 120 visitatori alla volta. Non sono mancate le attività didattiche e creative per i bambini e le visite guidate per gli studenti delle scuole medie e superiori che hanno avuto la possibilità di conoscere e approfondire il movimento del Futurismo, grazie all’eccellenza delle opere e dei materiali documentali esposti, quali i famosi manifesti, libri e riviste fondamentali per far conoscere le linee guida e la visione arte-vita del movimento Futurista.

Il grande successo della mostra sul Futurismo appena conclusa” – sottolinea l’Assessore alla cultura, Luca Fasan – “ha confermato l’indirizzo che quest’amministrazione ha intrapreso da tempo in merito al messaggio culturale e artistico che intende perseguire per i progetti futuri, orientato al valore dell’offerta. Il rapporto con la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma e altri che a breve seguiranno – spiega Fasan – “unitamente alla rigorosa selezione delle ulteriori mostre tematiche, tracceranno il solco entro il quale si orienteranno gli eventi culturali nelle prossime stagioni. Il grande valore di queste rassegne, contribuisce e contribuirà a portare un ulteriore valore alla città, ossia l’inevitabile ricaduta a beneficio delle nostre realtà commerciali e di servizio. Questi gli indirizzi futuri, questi gli auspici – conclude l’Assessore Fasan – nella piena consapevolezza che il grande messaggio della cultura e dell’arte dovranno essere la rotta da seguire per gli anni a venire”.

La mostra, realizzata in collaborazione con il Consorzio Culturale del Monfalconese e l’Associazione “Luce nella storia”, è stata sostenuta dal prezioso contributo della Regione Friuli Venezia Giulia e della Banca di Credito Cooperativo di Staranzano e Villesse.

L’esposizione, curata dall’avv. Marino De Grassi, grazie alla disponibilità del fondo personale dell’artista, ha permesso di conoscere tutta la produzione artistica del pittore Tullio Crali, dai suoi primissimi disegni,quando era soltanto quindicenne,all’ultimo dipinto concluso nel 1997 oltre ad alcune opere,proprietà dello stesso artista, di Giacomo Balla e Fortunato Depero.

Prima che s’apra il paracadute”, che oggi farà il suo ritorno a Casa Cavazzini – Museo d’arte moderna e contemporanea di Udine, è certamente l’opera di Crali che ha riscosso il maggior successo e incantato tutti i visitatori. Il dipinto era già salito agli onori della cronaca internazionale quando, nel 2014, il Guggenheim Museum di New York lo scelse quale immagine di copertina del catalogo della più grande mostra mai realizzata sul Futurismo dal titolo Italian Futurism (1909-1944): reconstructing the Universe.

E.L.




Domenica 19 maggio “Giardini Aperti” al Castello di Spessa a Capriva del Friuli (Go)

Dopo il successo di Castelli Aperti, il Castello di Spessa di Capriva del Friuli apre al pubblico il suo parco secolare e i suoi giardini all’italiana. L’appuntamento è per domenica 19 maggio, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 19.30, in occasione di Giardini Aperti 2019, che vedrà oltre 60 giardini privati del Friuli Venezia Giulia accogliere per visite gratuite il pubblico di appassionati del verde, di fiori e giardinaggio. L’evento si svolgerà anche in caso di maltempo.

Di antica origine, il parco del Castello di Spessa è passato nella storia attraverso le moltissime vicissitudini che hanno interessato il maniero. Più volte rimaneggiato e rifatto nei secoli, ha attualmente un impianto all’italiana, datogli nell’800 dall’allora proprietario, il barone triestino Demetrio Economo di San Serff. Un vero e proprio Arboretum, che ricopre tutta la cima dell’altura su cui si trova il Castello, dove spiccano querce, cipressi italici, lecci, aceri, farnie, tigli, platani, safore, gelsi, photinie e catalpe, ma anche specie esotiche come lo Spino di Giuda. In onore di Giacomo Casanova, che fu ospite del maniero nel 1773, è stata tracciata nel parco una romantica Passeggiata letteraria, che i visitatori potranno fare seguendo il percorso delle 10 frasi del celebre personaggio sull’amore, le donne, l’amicizia, la vita, incise su artistiche tabelle in ferro battuto.  Tutt’intorno, abbracciano parco e maniero distese geometriche di vigneti, da cui provengono i pregiati vini che si possono trovare nel Wine shop all’entrata del Castello: i visitatori vi troveranno l’ultima annata, rivestita con le nuove, romantiche etichette.




North East Bike Festival a Monfalcone PRESENTATO IL PROGRAMMA DELLA PRIMA EDIZIONE

Rivalorizzare la città grazie l’organizzazione di eventi di qualità. Questa la strategia del Comune di Monfalcone, sottolineata dal Sindaco Anna Maria Cisint durante la conferenza stampa indetta per presentare il programma definitivo della prima edizione del North East Bike Festival, una manifestazione dedicata agli amanti della bicicletta di tutto il Nordest e dell’area-compasso confinante della Slovenia, Croazia e Austria.

“Questo fine settimana – ha detto il Sindaco Cisint, presenti anche l’Assessore alla cultura Luca Fasan, l’ideatore e organizzatore del Festival, il Bike Racer Lorenzo Orlando e gli atleti olimpionici e nazionali fratelli Luca e Daniele Braidot – “proponiamo un evento che possa in futuro diventare la Barcolana delle biciclette, grazie all’importante lavoro portato avanti dall’organizzatore in collaborazione con l’ufficio marketing territoriale e sviluppo turistico del Comune e con i privati. La nostra città – ha concluso Anna Maria Cisint confermando fin d’ora che, per la seconda edizione, si inseriranno nel programma anche delle gare agonistiche come suggerito dagli olimpionici presenti – può diventare un punto di riferimento regionale per il bike, a livello turistico, imprenditoriale e sportivo, promotrice anche di progetti transfrontalieri come quello del ‘Bici Bus ‘, che sarà illustrato nello stand del Comune di Monfalcone”.

Il North East Bike Festival si terrà dal 10 al 12 maggio, nel cuore di Monfalcone in piazza della Repubblica, nella quale espositori e visitatori saranno protagonisti di un evento perfettamente integrato nel territorio che lo ospita. L’inaugurazione ufficiale del Villaggio avrà luogo sabato 11 maggio, sebbene alcune attività avranno inizio già dal mattino di venerdì 10: alle ore 8.30, da piazza della Repubblica prenderà il via uno dei trail più belli e impegnativi d’Italia, la terza edizione del “Carso Trail”, con 300 biker provenienti da tutta Europa per percorre, in totale autonomia 325 chilometri con 7250 metri di dislivello, tra foreste e panorami mozzafiato del Carso italiano e sloveno.

Nel Villaggio, (dalle 9.30 alle 12.30) la Polizia Comunale di Monfalcone sarà a disposizione delle scuole per un’attività formativa e divulgativa, mentre nel pomeriggio (dalle 14.30 alle 18.30) sulla “Pump Track“, pista di 60 metri con gobbe e curve paraboliche verranno organizzati corsi di biciclette per bambini e ragazzi.

Dopo l’inaugurazione di sabato (alle ore 10) del Villaggio e l’apertura della Mostra di bici storiche nel Palazzo del Municipio, dalle ore 10.00 alle 19.00, nei trenta stand presenti nell’area adiacente Piazza della Repubblica, inizieranno i test gratuiti di biciclette elettriche delle migliori marche su ciclabili cittadine o ciclabili carsiche. Di seguito una serie di eventi animeranno la piazza: si inizierà con il Group cycling Indoor, che metterà a disposizione 30 biciclette per corsi gratuiti di Indoor Cycling (con esponenti del National Team® supportati a loro volta dai numerosi istruttori del team Friuli Venezia Giulia e Veneto); alle ore 17.00 presso la “Pump Track” si potrà partecipare a una corsa a inseguimento con le mitiche “Graziella”. In programma anche la Woman Beach Tour (una pedalata su pista ciclabile con destinazione Marina Hannibal-Marina Julia e ritorno, di circa 12/15 chilometri), Freestyle (varie esibizioni con quattro campioni italiani di Trial e Nazionali BMX), History Bike tour (di circa 15 chilometri su ciclabili pianeggianti con destinazione il litorale monfalconese).
Alle 21.00 è in programma uno spettacolo con musica latino-americana con Esquina Calient (lo spettacolo sarà spostato a domenica 12 in caso di maltempo).

Domenica 12 maggio, mentre in piazza della Repubblica continueranno Indoor Cycling, esibizioni di Freesyle e Group cycling Indoor, tra le 10.00 e le 10.30 partirà laLa Carsica d’a-Mare”: centinaia di Biker potranno scegliere tra un percorso pianeggiante di 16 Km su pista ciclabile con destinazione Marina Julia e ritorno e due percorsi per mountain bike sul Carso, di cui uno facile di circa 16 Km con visita ai siti della Grande Guerra, e uno per biker esperti su single track enduristici con 500/600 metri di dislivello in circa 15 km. L’obiettivo degli organizzatori è cercare di radunare oltre 1000 biciclette per superare il record regionale di presenze, con lo stesso spirito che anima sul mare la partecipazione alla Barcolana.

La conclusione della manifestazione, dalle 18.30 in poi, è prevista in musica, grazie alla performance del noto DJ Zippo.

Il coinvolgimento della città di Monfalcone è evidenziato anche dalla partecipazione all’evento dei principali negozi, con l’allestimento di vetrine in tema “bike” e loro chiusura serale alle 22.00 (venerdì e sabato), e dalle proposte enogastronomiche da parte di numerosi ristoranti e trattorie, che saranno inserite in una mappa distribuita in mille copie nell’info point della manifestazione”.

Ulteriori informazioni sul sito dell’evento al link: http://www.northeastbikefestival.it/

sulla pagina Facebook Monfalcone Eventi.

I cittadini e i partecipanti tutti potranno proporre le loro fotografie a un concorso fotografico (attraverso la pagina Facebook dedicata al Festival).




ONDESEA GRADO MUSIC FESTIVAL 15_28 giugno_2019 Diga Nazario Sauro

 “Con OndeSea” – dichiara il Vice-Sindaco e Assessore al Turismo Matteo Polo – si completa la ricca e variegata offerta musicale estiva di Grado, che può già contare sui concerti della classica rassegna di Musica a 4 Stelle, del nuovo Festival GradoJazz by Udin&Jazz e del consolidato appuntamento con Le donne del Jazz. Tanti piccoli e grandi concerti di qualità.”

L’associazione Onde Mediterranee curerà dunque per il Comune di Grado la rassegna musicale che aprirà la stagione estiva attraverso sette concerti, quattro sulla Diga Nazario Sauro e tre nel centro storico della località balneare. Si tratta di una proposta che va incontro alle diverse tipologie di ospiti della spiaggia gradese, tra novità nazionali, consolidate realtà internazionali e interessanti proposte regionali.

La serie di spettacoli sarà aperta sabato 15 giugno (tutti i 4 concerti si svolgono sulla Diga Nazario Sauro, ingresso da Piazza Biagio Marin, con inizio alle 21.30) dagli EX-OTAGOband genovese rivelazione del Festival di Sanremo 2019 e protagonista anche sul palco del Concertone del 1° Maggio a Roma, con una

Richard Galliano,

tappa del tour estivo LA NOTTE CHIAMA. Sul palco non il solito concerto, ma una vera e propria “OTAGATA”: uno show spettacolare fatto di grande musica, di visual, emozioni, momenti di riflessione e tante sorprese.

Si prosegue mercoledì 19 giugno con il concerto di Richard Gallianomassimo interprete mondiale della fisarmonica e virtuoso del bandoneon, strumento tipico delle orchestre di tango argentine che il musicista ha riportato al centro della musica moderna europea, rivestendolo di sfumature e influenze jazz. Galliano, apprezzato anche per aver salvato dall’oblio la musette, una musica tradizionale francese, si esibirà a Grado con il suo Post-Musette 4et (François Arnaud, violino – Bruno Rousselet, contrabasso – Jean-Christophe Galliano, batteria).

Tony Hadley

Vera star internazionale di OndeSea sarà senza dubbio l’ex frontman dei mitici Spandau Ballet, Tony Hadley, il cui concerto è in programma martedì 25 giugno. Hadley è considerato una vera icona della musica pop internazionale: chi non ricorda l’epica “Through the Barricades“, “True” o “Gold”? Il cantante inglese ha in uscita il 17 maggio il nuovo album “Talking to the moon”, che egli stesso racconta così: “Non abbiamo tutti, ad un certo punto della nostra vita, guardato verso il cielo notturno, fissando la luna e le stelle, chiedendoci cosa fosse tutto questo? Probabilmente parlando con la luna e chiedendole un piccolo aiuto, cercando risposte o semplicemente stupiti dalla sua bellezza”. Hadley condurrà dunque il pubblico in un meraviglioso viaggio nel tempo, interpretando i successi che lo hanno reso famoso e le canzoni del nuovo album, oltre ad alcuni brani dei suoi artisti preferiti come i Queen e The Killers.

L’ultimo dei concerti in Diga, venerdì 28 giugno, avrà per protagonista Fabio Concato uno dei più raffinati protagonisti della nostra musica d’autore. L’artista

Fabio Concato

milanese, che ha composto e interpretato tanti grandi successi come “Fiore di Maggio”, “Domenica bestiale”, “Rosalina, festeggia una carriera di oltre quarant’anni con un concerto dedicato, come l’ultimo album, al padre Gigi, anch’egli musicista, che lo ha iniziato alla musica e in particolare al jazz. Sul palco gradese ascolteremo Concato, assieme al trio del pianista Paolo Di Sabatino, in un’intima e rispettosa rilettura delle sue canzoni più celebri (evento ad ingresso libero).

Ondesea si estenderà anche nel centro storico di Grado, in Campo dei Patriarchi, suggestiva piazzetta davanti alla Basilica, dove la musica entrerà con leggerezza in un contesto di particolare pregio. Il programma prevede tre concerti semiacustici con inizio alle 21.30 e ad ingresso libero: il 22/6 Michele Pirona Acoustic Trio, il meglio della chitarra acustica in Friuli Venezia Giulia, reduce da un grande successo internazionale; il 24/6 Greenwaves, cinque musicisti con la passione per il folk Irlandese ed i suoi strumenti tradizionali; il 27/6 Woodnite Trio, con un repertorio unplugged che va dall’era del rock‘n roll alle più accattivanti canzoni pop dei nostri tempi, blues e classici del country.

Info e biglietti: www.euritmica.it / www.ondemediterranee.it – 0432 1720214  – Online su circuiti Ticketone e VivaticketA Grado presso Edicola/Libreria Thomann, Piazza Duca D’Aosta.

E.L.




Venerdì 10 maggio, Jazz internazionale a Monfalcone: alle 21 Dejan Terzic AXIOM al Carso in Corso. 

Venerdì 10 maggio alle ore 21.00 a Monfalcone, al “Carso in corso” torna il jazz con un gruppo internazionale di grande livello: Dejan Terzic AXIOM.

Come sempre proposto dall’Associazione Culturale “Nuovo Corso” di Monfalcone, torna il jazz nella città dei Cantieri.
Venerdì 10 maggio, alle 21 (ingresso libero) va in scena al Carso in Corso il carismatico quartetto AXIOM di Dejan Terzic, con  il progetto PROMETHEUS (dal recente cd pubblicato da Camjazz).

AXIOM coinvolge il pubblico in un viaggio attraverso le illimitate opzioni espressive della batteria: Dejan Terzić è qui la nostra guida; un batterista tedesco di origine bosniaca che suona in quartetto con Chris Speed ​​al sax, Bojan Zulfikarpašić al piano e Matt Penman al basso, per svelare un regno incredibilmente espressivo, fatto di umori assortiti, energia, forza, profondità del suono impressionanti e ostinazioni ipnotiche.
Dejan Terzić ha scritto tutte le composizioni di questo progetto: i suoi compagni di band hanno raccolto la sfida, intrecciando con lui una trama accattivante e ad ampio raggio. Improvvisazioni libere, arrangiamenti ritmici esplosivi, interludi sognanti. Alla base di questo progetto c’è il jazz estremamente robusto, composto da contributi chiave, incontri, vita musicale a tutto tondo, che si traduce in freschezza e dinamicità.Virtuosismo ritmico, tempi veloci, schemi minimalisti e ripetitivi, parti flottanti: Prometheus impressiona con la sua composizione espressiva. I musicisti raggiungono un’eleganza tecnica assoluta:  con riff furiosi, passaggi aperti e ostinati.

Dejan Terzic è il band leader, un batterista tremendamente agile, irrequieto e multidimensionale. Chris Speed, sassofonista, clarinettista e compositore da quasi trent’anni è una tra le figure più in vista dell’avanguardia newyorchese;  Bojan Zulfikarpašić è  un virtuoso pianista francese, nativo serbo; Matt Penman, artista neozelandese dalle linee di basso pulsanti e potenti… l quartetto interagisce affiatato ed in continua tensione con l’ascoltatore.

 

Ingresso libero

Info concerto: info@connecteventi.com – mob. 338-4543975

Prenotazioni: Il Carso in Corso –Monfalcone, Corso del Popolo 11 – tel. 0481-095695

  1. Andrea Forliano