mercoledì , 24 aprile 2019
Notizie più calde //
Home » La Folle Giornata (pagina 10)

Archivio della categoria: La Folle Giornata

image_pdfimage_print

Il Macbeth verdiano trionfa al Teatro Verdi di Trieste

Dal nostro inviato a Trieste Recensione – Macbeth è un’opera sfuggente in cui al tragico si mescolano il grottesco e il brutto, inteso come categoria estetica, nel creare un ritratto quasi ironico – o meglio una caricatura – delle miserie umane. Un’opera di eccessi ed estremi, travolgente nella musica e teatralmente indecifrabile in ragione dello sconfinato panorama di chiavi di ...

Continua a leggere »

Shostakovich e Beethoven al Verdi di Pordenone

Recensione – Guardare al passato per parlare del presente, della Russia e di se stesso. Basterebbe pensare all’impiego crittogrammatico che Dmitrij Shostakovich fece del proprio nome nel motto che viene a più volte ripreso durante il concerto. Scritto nel 1959 per Mstislav Rostropovic, il primo concerto per violoncello op.107 di Shostakovich non è solamente un capolavoro di linguaggio musicale, è ...

Continua a leggere »

La Bohème di Puccini torna al Teatro La Fenice

Recensione – Ritorna al Teatro La Fenice di Venezia La Bohème pucciniana nel fortunato allestimento di Francesco Micheli già proposto durante le scorse stagioni, spettacolo che piaceva all’esordio e continua a conservare le sue buone ragioni. Circa l’allestimento ricordo quanto scritto in passato: “Lo spettacolo è fresco, giovanile, coinvolgente nella sua bozzettistica semplicità. Non una Bohème sconvolgente o che si proponga ...

Continua a leggere »

La Carmen di Bizet al Verdi di Trieste

Dal nostro inviato a Trieste Recensione – A Trieste è il momento della Carmen di Bizet, l’opera delle opere, capolavoro tra i più frequentati (e fraintesi) dell’intero repertorio. L’opera che tutti credono di conoscere e dicono di amare. Da tale miscomprensione parte lo spettacolo di Carlos Saura, già passato per Valencia e Firenze prima di approdare a Trieste. L’idea, meritoria, ...

Continua a leggere »

I Masnadieri al Teatro La Fenice di Venezia

Dal nostro inviato a Venezia Recensione – Il teatro La Fenice sceglie I Masnadieri di Verdi per aprire l’anno dei bicentenari. Titolo sfuggente ed enigmatico in cui si mescolano conflitti famigliari ed ombre risorgimentali, musica di alterna ispirazione, un libretto dinanzi al quale spesso si fatica a trattenere le risate. L’allestimento di Gabriele Lavia – almeno nelle intenzioni – strizzerebbe l’occhio ...

Continua a leggere »

Il Corsaro apre la stagione del Verdi di Trieste

Il Teatro Verdi di Trieste inaugura stagione ed anno verdiano con Il Corsaro, lavoro poco frequentato ma non privo di fascino, che esordì nel 1848 nello stesso teatro triestino. Scelta coraggiosa e in fin dei conti vincente, considerata la calda accoglienza tributata dal pubblico presente in sala. Direttamente da Byron, Il Corsaro è un’opera minore ma ricca di spunti originali ...

Continua a leggere »

Lo Schiaccianoci di Ciajkovskij al Rossetti di Trieste

Il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia saluta il 2012 sulle punte con il Balletto di Mosca La Classique e un titolo che “fa Natale” come nessun’altro. Lo Schiaccianoci di Ciajkovskij, tratto – o per meglio dire liberamente ispirato – all’omonimo racconto di Hoffmann, con la sua magica atmosfera sospesa tra sogno e realtà. Non resta molto di E.T.A. Hoffmann ...

Continua a leggere »

Il Barbiere di Siviglia al Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone

Il Barbiere di Siviglia ovvero lo spettacolo d’arte varia di uno innamorato di te, direbbe il Conte. No, non Paolo Conte ma il Conte di Almaviva. Perché in fondo il capolavoro di Rossini è questo, la messa in scena intricata e cervellotica di un Lindoro che vuole la sua Rosina. Travestimenti, lettere d’amore, trucchi e sotterfugi per strappare la bella ...

Continua a leggere »

L’ultima Thule, l’addio alla musica di Francesco Guccini

Recensione – Die Zeit, die ist ein sonderbar Ding, il tempo, cosa strana. Quel tempo che divora giorni e giorni come fossero nulla e che poi, tutto a un tratto, si fa sentire ed inizia a pesare, a colare sui visi e sulle tempie. Vengono in mente i versi che von Hofmannsthal mette in bocca alla Marescialla davanti a questo ...

Continua a leggere »

Otello di Verdi apre la stagione del Teatro La Fenice

Dal nostro inviato a Venezia Recensione – Otello è il precipizio di un uomo saldo e forte corrotto nell’intimo dall’ingiuria più atroce di tutte, il sospetto dell’ingiuria stessa. Una storia di drammi potenziali, evocati, vagamente immaginati ma irreali, di situazioni nascoste dalle lenzuola di un letto che prendono via via corpo e sostanza, trascinando nel baratro il Moro e con ...

Continua a leggere »

Scroll To Top