SCUOLA: SEMPRE LA SOLITA MALATA.

Ricordiamoci che già dalla metà dell’800 la “pubblica istruzione” era in mano alla politica, e questa nel dare una direttiva all’insegnamento decise cosa insegnare ai suoi cittadini-sudditi-fedeli. Ieri insegnava il fascismo, l’altro ieri il culto dei Re (tali per volontà divina) e in un non lontano passato, una arrogante categoria insegnava e riteneva NON UTILE alla società alfabetizzare troppo il popolo:

Il ministro della P.I. BACCELLI nel 1894 nel fare il programma sulla nuova “Riforma della Scuola così si esprimeva nel suo preambolo:… bisogna insegnare solo a leggere e scrivere, bisogna istruire il popolo quanto basta, insegnare la storia con una sana impostazione nazionalistica, e ridurre tutte le scienze sotto una………unica materia di “nozioni varie”, senza nessuna precisa indicazione programmatica o di testi, lasciando spazio all’iniziativa del maestro e rivalutando il più nobile e antico insegnamento, quello delleducazione domestica; e mettere da parte infine l’antidogmatismo, l’educazione al dubbio e alla critica, insomma far solo leggere e scrivere. Non devono pensare, altrimenti sono guai!”

Da oltre 150 anni il presupposto di chi governa è sempre stato più o meno palesato quello di avere una scuola “pubblica” sempre più precaria in una società anche essa precaria, nella quale il livello di istruzione sia sempre legato al censo ed al potere. Negli anni settanta si ottenne il sei politico, che se da un lato voleva garantire l’istruzione di massa, dall’altro non era che un contentino per i ceti più poveri di sentirsi padroni dell’istruzione anche senza il lignaggio della borghesia.

Il vero fallimento e la vera miopia degli intellettuali progressisti dell’epoca la ritroviamo oggi sotto i nostri occhi con milioni di diplomati e migliaia di laureati che a ben poco possono contribuire per l’innalzamento della società con le basi appena sufficienti  a dichiarare di aver pasciuto per circa trent’anni nella scuola senza mete ne ideali rivolti alla ricerca e alle novità.

Nell’era di Internet, dei cellulari, della globalizzazione e dell’informatica. Nell’era della finanza e dello spazio ci ritroviamo – con la Gelmini- in classi elementari gestite dal maestro unico. Con insegnati  vecchi formatisi oltre trentanni fa che si preoccupano più di difendere le proprie prerogative sindacali che pensare all’aggiornamento e al nuovo modo di inculcare cultura alle generazioni di facebook e twitter. Secondo le ultime indagini l’Italia ha il corpo insegnate più vecchio d’Europa dove le maestre elementari oltre i cinquantanni superano abbondantemente il 30% e i professori di medie ed istituti superiori superano il 40%. Questo serve a suffragare l’ipotesi che gli insegnanti italiani in media  sono anziani, e circa la lmetà vicini alla pensione, quindi demotivati e restii al continuo aggiornamento.

Come da anni ormai ci si lamenta il problema potrebbe essere assolto dando la colpa alla televisione che come aveva scritto Renato Parascandolo su “Telema” relativamente al rischio che la televisione possa diventare uno strumento di diffusione della stupidità generale si sbagliava in quanto sul rischio futuro è già stato  superato da quanto è apparsa la televisione commerciale e tutta la sua spazzatura mediatica che ha livellato verso il basso le aspirazioni e le menti dei nostri giovani. Abbiamo loro rubato il futuro del pensiero ed ora stiamo rubando loro il futuro economico.

Enrico Liotti

enrico.liotti@ildiscorso

© Riproduzione riservata




FRIULI DOC 2011: PUBBLICO E QUALITÀ DECRETANO IL SUCCESSO DELLA XVII EDIZIONE

Eccellenza, convivialità e passione. L’eccellenza è quella dei prodotti enogastronomici, ma anche dei testimonial, Fabio Capello su tutti, e degli ospiti di questa edizione. La convivialità è quella che deriva dal piacere di ritrovarsi insieme in piazze e strade animate da tanti eventi. La passione è quella di chi per quattro giorni ha offerto le specialità regionali all’insegna dello slogan Tipicamente Friulano, ma anche quella del pubblico che anno dopo anno conferma sempre più di amare la kermesse.Oltre all’ormai tradizionale successo che Friuli Doc riscuote anno dopo anno, la XVII edizione della più importante rassegna enogastronomica della regione, dedicata quest’anno alla Terra dei Patriarchi, si scopre ricca di significati e suggestioni. “Grazie anche al clima ancora estivo – commenta il sindaco di Udine Furio Honsell –, mi è sembrata un’edizione particolarmente riuscita. L’impressione è che Friuli Doc abbia riscoperto anche quest’anno il valore della convivialità, del piacere di stare insieme, di ritrovarsi nelle vie e nelle piazze. Un modo – spiega – per rinnovare la tradizione del focolare domestico tipico di questa terra. E proprio in questi giorni Friuli Doc è stata la casa di ogni singolo friulano e non solo”. In tutti e quattro i giorni della manifestazione ogni via e piazza del centro storico è stata letteralmente invasa da migliaia di persone, accorse nel capoluogo friulano per visitare i numerosi stand allestiti e per assaporare vini e prelibatezze di ogni parte della regione. Ma Friuli Doc 2011 non si è contraddistinto solo per la qualità dell’offerta enogastronomica. Questa edizione è stata contrassegnata anche da un programma artistico, curato da Renato Pontoni di Pregi srl, che ha fatto della musica una protagonista assoluta della kermesse. Nell’arco dei quattro giorni si sono susseguiti oltre 500 artisti che hanno dato vita a un centinaio di concerti, ma anche spettacoli e momenti di intrattenimento per grandi e piccini, a cui si sono aggiunte numerose esposizioni, conferenze, incontri e degustazioni. Migliaia le persone che hanno visitato le mostre allestite nei Civici Musei del Comune, dove tra tutte spiccano gli oltre 2 mila biglietti staccati per i dinosauri della Patagonia nell’ex chiesa di San Francesco.  “Al di là delle centinaia di migliaia di persone che hanno raggiunto il capoluogo – sottolinea il vicesindaco e assessore alle Attività economiche Vincenzo Martines – quello che comunque ci interessa è soprattutto il grado di soddisfazione degli operatori e dei fruitori di Friuli Doc, perché questo è il vero termometro del successo della manifestazione”. Una manifestazione che oltre a fare da vetrina ai tanti prodotti enogastronomici regionali è anche “una grande festa di piazza – prosegue Martines –. Tutto è migliorabile, ma se qualcuno pensa ancora che Friuli Doc non sia la festa di riferimento nella nostra regione – conclude – forse adesso si deve ricredere”. A testimoniare un’edizione storica per Friuli Doc sono i numeri della kermesse. In quattro giorni, negli stand delle proloco coinvolte, sono stati venduti 92 mila piatti e versati oltre 54 mila calici di vino. Tra i prodotti più apprezzati, oltre ai tradizionali frico e gnocchi, spiccano i gelati di cui, complici anche le temperature estive, sono stati distribuiti ben 30 quintali tra gli stand dell’Ersa di piazza Matteotti e quello di Avasinis in piazza XX Settembre. Grande successo anche per il toro di Buja: già nel primo pomeriggio di domenica i piatti a base di carne taurina erano esauriti con ben quattro tori consumati. Confermano tutto il loro appeal le patate di Godia, basti pensare che per accontentare tutti i visitatori ne sono state sbucciate 48 quintali. Più in generale già a metà pomeriggio di domenica alcuni tra gli stand più gettonati avevano esaurito le proprie scorte, come ad esempio la costa alla fiamma di Montegnacco e l’immancabile birra di Sauris, sparita anche dai depositi del birrificio pur di accontentare più estimatori possibili.

Carlo Liotti per la REDAZIONE




La manovra è legge: ecco cosa cambia

Mercoledì la Camera ha approvato 316 a 302 la nuova legge finanziaria seguendo le indicazioni della Bce. Nella confusione per i vari testi proposti e poi cambiati dal governo, salta all’occhio l’approvazione dell’ordine del giorno proposto da Domenico Scilipoti, uno dei “responsabili” che infoltirono la maggioranza, che prevede la possibilità di nuovi condoni fiscali ed edilizi. Inoltre sono passate le proposte dell’ex ministro Pd Cesare Damiano di rivedere assieme alle parti sociali il nodo della flessibilità del lavoro, di Fli  per l’introduzione dell’Ici sugli immobili commerciali della Chiesa. Si fa notare che sono ordini del giorno che impegnano il governo a trattare il tema, non si tratta quindi di norme approvate a riguardo ma di forti prese di posizione.

Arriviamo alla legge di stabilità, importantissima per garantire all’Italia la credibilità necessaria a livello europeo e internazionale. In sintesi le novità principali:

IVA AL 21%: vale 12 miliardi di euro
AGEVOLAZIONI FISCALI: possibile taglio dal 5 al 20%: varrebbe 20 miliardi di euro.
PREVIDENZA: dal 2014 l’anzianità delle donne per la pensione sale a 65 anni.
LAVORO: i contratti di lavoro aziendali potranno derogare, con l’accordo di impresa e sindacati, ai contratti nazionali. Un equo compenso dovrà essere elargito ai tirocinanti negli studi professionali. I dipendenti pubblici potranno essere trasferiti, all’interno della stessa Regione, con più facilità.
LIQUIDAZIONE: il dipendente pubblico che chiederà il pensionamento anticipato avrà il Tfr dopo due anni.

CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA’: dell 3% toccherà a chi dichiara più di 300 mila euro all’anno, quindi 30 mila contribuenti (incasso: 400 milioni), del 5% i dipendenti pubblici che dichiarano più di 90 mila euro, del 10% chi è sopra i 150 mila.
LOTTA ALL’EVASIONE: misure per colpire le società di comodo, arresto per chi evade più del 30% del proprio fatturato, uso del contante fino a 2500, i Comuni saranno coinvolti maggiormente, i negozi che non emettono scontrino rischieranno la chiusura.
RENDITE FINANZIARIE: aliquota unica al 20%, i titoli di Stato rimangono al 12,5%.

ENERGIA: le imprese del settore energetico subiscono un aumento dal 6,5 al 10% dell’Ires.
COOPERATIVE: 80 mila imprese con questa veste giuridica avranno un aumento del 10% della tassa sui profitti.

FESTIVITA’: abolite le feste patronali, celebrazioni civili alla domenica escluse 1 maggio, 25 maggio e 2 giugno.

20 miliardi di risparmi e 40 di entrate tra cui la riduzione dei finanziamenti ai Comuni che, secondo l’Anci, ammontano a 6 miliardi per il 2012 e comporteranno la necessità di un aumento dell’addizionale Irpef che graverà sui cittadini. L’obiettivo di questa manovra è raggiungere il pareggio di bilancio e di rispettare quindi le richieste dell’Europa, molto preoccupata dell’evolversi delle situazioni di Grecia, Spagna, Portogallo e Italia. Come uno scolaro che, al ritorno dalle vacanze, si trova tutti i compiti da fare il governo ha pasticciato diversi testi per poi far partorire al Parlamento una legge che blocca la già lentissima crescita e rende ancora più debole la competitività. D’altro canto è una manovra necessaria per invertire la rotta e contribuire a consolidare l’intera zona euro, l’unica àncora per competere con i giganti mondiali.

 

Federico Gangi
federico.gangi@ildiscorso.it

© Riproduzione riservata

 

 




Udine: Corso per imparare a lavorare il “Scus”

L’iniziativa si propone di recuperare una tecnica tradizionale dell’artigianato friulano: la lavorazione del cartoccio del mais

Partiranno lunedì 19 settembre le iscrizioni al nuovo corso dedicato alle tecniche di lavorazione del friulanissimo “scus”, il cartoccio del mais. L’iniziativa della 5^ circoscrizione permetterà di apprendere un’arte particolarmente radicata nella cultura artigianale del Friuli. Il corso si svolgerà ogni lunedì dalle 15 alle 17 nella sede della 5^ circoscrizione dal 26 settembre al 28 novembre per un totale di 10 incontri. Lo scopo del corso è quello di recuperare una tecnica tradizionale che fino a non molti anni fa costituiva una vera e propria fonte di occupazione.

Il corso prevede la partecipazione di un massimo di 12 persone. Gli interessati possono iscriversi gratuitamente presso la sede della 5^ circoscrizione a partire dal 19 settembre. Il primo giorno verrà data priorità d’iscrizione ai residenti nella stessa circoscrizione. Per informazioni contattare la 5^ circoscrizione Cussignacco, in via Veneto 164 (tel. 0432 601563 – mail: circoscrizione5@comune.udine.it).

La Redazione




La Bastioni Bike 12 ore a Palmanova: un successo dello sport

Agosto è finito con una gara per i più tenaci e combattivi nel meraviglioso scenario dei bastioni di Palmanova. La seconda edizione della 12 ore dei Bastioni organizzata dall’ASD Gruppo Bastioni Bike ha ottenuto un buon successo di pubblico e di partecipanti. La manifestazione, espressamente non competitiva, si è svolta con una gara a staffetta a squadre (minimo un componente e massimo di sei) in sella a una mountainbike o un tandem in coppia.

Al traguardo sono arrivati 11 singoli, ha terminato per primo il concorrente con la casacca della Rota Magna Team ASD; mentre tra le 14 squadre ad ottenere il primo posto è stata la squadra mista Last Second Endurance Team che ha realizzato 50 giri in 12 ore e 8 minuti.
Davvero un bell’evento, tra storia e natura si è potuto respirare un’aria di vero sport.

Di seguito alleghiamo la classifica generale disponibile sul sito www.mountainbikeedintorni.com.

Classifica Generale
Pett. Tipologia Nome Squadra                                                                       Giri Tot. Tempo Tot.
14 E6 SQUADRA MISTA LAST SECOND ENDURANCE TEAM             50  12:08:10
10 M6 SQUADRA MASCHILE CICLI 4R AIELLO                                      48 12:03:39
21 M6 SQUADRA MASCHILE TEAM POIANELLI                                    47 12:04:51
11 M6 SQUADRA MASCHILE VIGILI DEL FUOCO UDINE                   47 12:05:31
19 M6 SQUADRA MASCHILE ALPIN BIKE MOSSA                                 47 12:08:22
16 M6 SQUADRA MASCHILE BRUTTO IL TUO                                         46 11:59:59
13 M6 SQUADRA MASCHILE FARRA BIKE TEAM FOR FUN 1          44 12:04:57
15 M6 SQUADRA MASCHILE SAGITTA BIKE                                           44 12:16:58
8 M6 SQUADRA MASCHILE TEAM SANITAS                                           42 12:01:07
18 E6 SQUADRA MISTA G.C. FIS – AUTOVIE VENETE                         41 11:51:36
12 M6 SQUADRA MASCHILE FARRA BIKE TEAM FOR FUN             40 12:06:13
9 M6 SQUADRA MASCHILE GRIDELLA TEAM                                        40 12:07:56
20 E6 SQUADRA MISTA NCNC                                                                       40 12:13:55
17 M6 SQUADRA MASCHILE GNOTUI SUI PEDAI                                 39 11:59:54
115 M1 SINGOLO MASCHILE ROTA MAGNA TEAM A.S.D.                38 12:14:55
116 M1 SINGOLO MASCHILE ASD ROTA MAGNA TEAM                    37 12:14:57
119 M1 SINGOLO MASCHILE FARRA BIKE TEAM FOR ONE SS        36 12:17:41
117 M1 SINGOLO MASCHILE CILINO ARMANDO                                  34 11:59:53
114 M1 SINGOLO MASCHILE BANDIZIOL                                                 34 12:05:42
122 M1 SINGOLO MASCHILE ALESSIO                                                       30 11:43:15
120 F1 SINGOLO FEMMINILE ELISABETTA TADINA                          28 12:01:04
121 M1 SINGOLO MASCHILE ICE                                                                   20 12:23:24
118 M1 SINGOLO MASCHILE TRIESTE TEAM BIKE                               11 05:21:39
113 F1 SINGOLO FEMMINILE G.C. MOGLIANO 1                                   11 07:53:18
112 M1 SINGOLO MASCHILE G.C. MOGLIANO                                          8 05:12:56

 

 

 

 

 

 

 

© Riproduzione riservata




Grande successo per i concerti della Full Agency

Nell’ambito della Festa della sedia di Manzano (Ud), la Full Agency ha presentato
due serate di intrattenimento e musica che hanno coinvolto più di 5000 persone in
questo fine settimana in Piazza Chiodi.

Venerdì 09 settembre i bravissimi musicisti della MERQURY Band hanno intrattenuto
quasi 2000 fans dei Queen con il loro repertorio storico, tra cui don’t stop me now,
Barcellona, Bohemian Rapsody e It’s a kind of magic (per citarne alcune), mentre
sabato 10 é stata la classe di DOLCENERA a convogliare ben 3000 persone che hanno
potuto sentire “Alive” anche i brani dell’ultimo lavoro della cantante di Galatina
“Evoluzione della specie” ed il bellissimo singolo “L’amore é un gioco”.

Domenica 11 settembre a Latisana si è chiusa la stagione estiva degli spettacoli e
concerti dell’agenzia di Massimo Bassi con la performance di Giuliano Palma & the
Blubeaters” che, dopo i continui successi di consenso, si è confermato anche in
questa occasione (anche quì oltre 3000 persone) quale una delle “Gold Band” della
Full Agency, visti l’entusiasmo e la risposta sempre positiva da parte del pubblico.

www.fullagency.com

La Redazione




Protesta dei sindaci contro la manovra

Domani molti dei primi cittadini in tutta Italia manifesteranno il loro dissenso verso la manovra finanziaria del Governo.

Il sindaco di Udine Furio Honsell: “Una protesta simbolica per
sensibilizzare l’opinione pubblica sugli effetti negativi che questa manovra
avrà sui servizi erogati dai Comuni. Allo stesso tempo non
vogliamo creare ulteriori disagi ai cittadini oltre a quelli che questa
manovra provocherà. Per questo motivo abbiamo pensato ad un solo minuto di
ritardo nell’apertura degli uffici. Un gesto simbolico a cui seguirà la mia
richiesta ad incontrare il prefetto di Udine per esporgli personalmente le
mie preoccupazioni per i riflessi negativi che questa manovra finanziaria
avrà sui Comuni”.

Sarà direttamente il primo cittadino, Furio Honsell, domani alle 8.45 a
spiegare ai cittadini presenti il motivo della protesta.

Il sindaco di Novara Andrea Ballarè:

«Abbiamo avuto – commenta il sindaco – molte risposte positive: ci saranno i sindaci dei maggiori comuni del territorio e quelli dei piccoli centri. A tutti è ben chiaro quanto sia pesante l’effetto dei tagli del governo che si abbatteranno pesantemente sulle finanze già deboli delle amministrazioni locali e inevitabilmente determineranno problemi nell’erogazione dei servizi ai cittadini. Come ho scritto ieri nel mio appello, questa non è la protesta della “casta”, ma una forma di difesa dei cittadini che sono le vere vittime dei tagli.».

Con il sindaco di Novara saranno presenti i primi cittadini dei due maggiori centri della Provincia dopo il capoluogo, Borgomanero e Trecate, e poi i sindaci di Castelletto Ticino, Oleggio, Cerano, Gozzano e molti altri.

«Sono invece profondamente rammaricato – conclude il sindaco – per la mancata partecipazione dei sindaci della Lega Nord, ai quali è giunto un vero e proprio diktat da parte del partito che ha vietato l’adesione all’iniziativa nonostante questa sia partita da un autorevole sindaco leghista, il primo cittadino di Varese Attilio Fontana. Un vero peccato e, soprattutto per loro, una occasione perduta».

La manifestazione inizierà alle 9 davanti al municipio. Il sindaco Ballarè chiuderà simbolicamente per qualche istante il portone di Palazzo Cabrino in segno di protesta per i tagli. Poi il corteo dei sindaci si recherà in Prefettura dove i primi cittadini saranno ricevuti dal Prefetto della Provincia di Novara.

La redazione




Friuli Doc: un’oasi giovane di eventi!

A pochi giorni dall’inizio dell’evento più atteso dai giovani e dalle famiglie, vi segnaliamo il programma di tutti gli eventi da non perdere!

GIOVEDÌ 15 SETTEMBRE

Serata Uniud.doc – l’Università di Udine a Friuli Doc

Ore 18.30

Aspettando la Notte Europea dei Ricercatori: il volto umano del ricercatore

interviene il Magnifico Rettore prof.ssa Cristiana Compagno

Ore 20.00

A tutto suono!

Serata musicale con gruppi emergenti in collaborazione con la Web radio d’Ateneo, con Giulia Daici, Fahrenight, Evol, Green Shadows, Rocktail, Blue-Jam, Archer Divinity

VENERDÌ 16 SETTEMBRE

Dalle 16 alle 18

Laboratorio di grafica e fumetto

a cura dei Fumettanti, il gruppo di fumetto delle Officine Giovani

Dalle 16 alle 19

Raccolta di video-curricula

a cura del progetto Mad in Italy e Coworking Udine

Dalle 16 alle 21

Video interviste

a cura del Portale regionale giovanifvg.it della Provincia di Udine

Dalle 18 alle 20

Aperitivo con la scienza – drink&play

Gioco di ruolo sul tema dei nuovi media e dell’integrazione sociale

a cura dell’associazione culturale Kaleidoscienza

(iscrizioni a partire da giovedì presso il punto informativo Oasi)

Ore 20.00

Ulisse e I Ciclopi (punk, blues, psichedelico)

Ore 21.00

The Charlestones (indie rock)

Ore 22.30

Arbe Garbe (folk, punk)

SABATO 17 SETTEMBRE

Dalle 16 alle 19

Cantieri creativi: workshop di graffiti e street art, video, musica e lettura

a cura di Macross, Leila Cavalli, Francesco Bertolini e Damatrà

(iscrizioni a partire da giovedì presso il punto informativo Oasi)

Ore 20.00

Pe & Sista  (reggae, roots)

Ore 20.30

Warrior Charge Soundsystem (dub)

Ore 22.30 Resistence in Dub (dub, reggae)

DOMENICA 18 SETTEMBRE

Dalle 14 alle 16

Laboratorio di grafica e fumetto

Ore 16.00

Sketch teatrali a cura della Compagnia Ndescenze, in collaborazione con la scuola DNA danza di Tricesimo

Dalle 16 alle 19

Cantieri creativi: workshop di graffiti e street art, video

a cura di Macross e Leila Cavalli,

Ore 18.00

Aspettando la Notte Europea dei Ricercatori – anteprima Ring scientifico: scienza e sport

a cura dell’Università di Udine

Ore 19.00

Old Inside Sound (funk, hip hop, discomusic)

Ore 21.00

Doc Party vol. II (sfida di freestyle)

on the mic: Shef

ai piatti: NG

Atrio di Palazzo Antonini

GIOVEDì 15 E VENERDì 16 SETTEMBRE

Mostra di fotografia

a cura del gruppo Flickr di Udine

Mostra di grafica, Aspettando la Notte Europea dei ricercatori: un logo stellare

a cura dell’Università di Udine  e della Scuola di Grafica .lab

SABATO 17 SETTEMBRE

Mostra di illustrazioni e fumetto

a cura di Davide Pascutti, Lorenzo Manià, Elisa Pellizzoni, i Fumettanti

DOMENICA 18 SETTEMBRE

Mostre e installazioni

Backstage & costume – progetto Le mille e una notte

a cura di Espressione Est e MACS

Fabrica

a cura di Manuel De Marco e Candida Kandinskij

One Shot One Sushi

a cura di Fourlights

Le mostre

dal 12 al 18 settembre

PALAZZO KECHLER

PIAZZA XX SETTEMBRE

“Per l’amor del cielo scopriteci”

a cura di Confartigianato – Udine

orario: mar e mer 17.30–22.00;

           gio/ ven / sab / dom 10.00–22.00

 dal 13 al 18 settembre

CASA DELLA CONFRATERNITA

PIAZZALE DEL CASTELLO

“Lo sguardo di Carlo”, omaggio a Carlo Sgorlon

a cura del Comune di Cassacco

in collaborazione con il Comune di Udine

orario: mar / mer / gio 10.00 – 12.00 / 15.00 –  19.00; ven / sab / dom   10.00 – 21.00

fino al 18 settembre

GALLERIA TINA MODOTTI – EX MERCATO DEL PESCE

“Frank Horvat. No Repeat, 1945-2010”

L’opera del grande fotografo in 47 scatti

orario: da mar a gio 16.30 – 19.30; ven 16.30 – 22.00;  sab / dom 10.30 – 12.30 / 16.30 – 19.30

dal 15 al 18 settembre

CASA DELLA CONTADINANZA

PIAZZALE DEL CASTELLO

“Mostra fotografica mestieri artigiani”

a cura di Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa

orario: giovedì 17-21 / venerdì 15-21/sab e domenica 10-21

dal 15 al 18 settembre

FRIULI FUTURE FORUM

VIA SAVORGNANA

Seminari, tavole rotonde, corsi di cucina

dal 15 al 18 settembre

PALAZZO ANTONINI

VIA PETRACCO

“Un’oasi per i giovani”

a cura dell’Agenzia Giovani, Officine Giovani

con la collaborazione di Università degli Studi di Udine

Uno spazio tutto dedicato ai giovani nell’ambito di Friuli Doc, un’occasione dove potersi sentire parte attiva di una manifestazione che coinvolge tutta la città.

orario: gio 18.30-24.00; ven 17.00-24.00;  sab 12.00-24.00; dom 12.00-22.00

dal 15 al 18 settembre

PALAZZO FLORIO

SALA COLONNE – EX OSTERIA FLORIO

“Mostra antologica di Spirito di Vino”

11° CONCORSO SPIRITO DI VINO

a cura del Movimento Turismo del Vino FVG

orario: gio  14.00–18.30;  ven / sab / dom 11.00–18.30

fino al 30 settembre

MUSEO ETNOGRAFICO DEL FRIULI

PALAZZO GIACOMELLI

VIA  GRAZZANO

“Friuli e Risorgimento
Itinerario fra musica, teatro, immagini e personaggi

orario: da mar a dom 10. 30 – 19.00

Gerolamo Venerio: meteorologo udinese

fino al 31 dicembre 2011

MUSEO ETNOGRAFICO DEL FRIULI

PALAZZO GIACOMELLI

VIA  GRAZZANO

“Sculture lignee dalla collezione “Andreina e Luigi Ciceri”

orario: da mar a dom 10. 30 – 19.00

dall’11 al 20 settembre

VIA CANCIANI 16/A

“Esposizione delle pipe di Luigi Viprati”

orario: 8.30–13.00/15.30–20.00

a cura di Giuseppe Fiorica

fino al 9 ottobre

EX CHIESA DI SAN FRANCESCO

LARGO OSPEDALE VECCHIO

“Dinosauri della Patagonia: i giganti dell’Argentina”

orario: da mar a  gio 15.00 – 19.00; ven 15.00 – 23.00;  sab 10.30 – 23.00; dom 10.30 – 19.00

 

Inoltre nei giorni della manifestazione è possibile visitare:

– fino al 4 dicembre

CASTELLO DI UDINE

“IL GIOVANE TIEPOLO: La scoperta della luce”

orario: 10.30–19.00

– fino al 30 dicembre

GALLERIE DEL PROGETTO

PALAZZO MORPURGO

“CASA – CITTÀ ”

Per conoscere e commentare il nuovo Piano Regolatore di Udine

orario: da mar a ven 10.00 – 12.30 / 15.00 – 18.00;  sab e dom 16.00 – 19.00

– fino al 2 ottobre

CASA COLOMBATTI-CAVAZZINI

“CARLO CIUSSI 1964-2011”

orario: da mar a ven 15.00 – 19.00; sab e dom  10.30 – 19.00

– fino al 30 settembre

Galleria d’Arte Moderna

VIA AMPEZZO 2 – Sala Didattica

“PIZZI CANNELLA. BON A’ TIRER. INCISIONI DELLA STAMPERIA ALBICOCCO (2002-2010)”

orario: 10.30 – 19.00

fino al 28 settembre

CHIESA S. ANTONIO ABATE

PIAZZA PATRIARCATO

“1989 – 2009. VENT’ANNI DI DIRITTI DELL’INFANZIA”

Mostra di fotografie e disegni

a cura dell’Ufficio del Tutore pubblico dei Minori del Consiglio regionale della Regione FVG

orario: da lun a ven 9.30–12.30

Carlo Liotti per la Redazione




Friuli Doc ed Ecosostenibilità

Nella ludoteca del Comune in via del Sale e negli adiacenti giardini

GIARDINI DEL TORSO, UNO SPAZIO DOC

DOVE PROMUOVERE L’ECOSOSTENIBILITÀ

Tante associazioni cittadine e gli uffici Turismo, Ambiente, Città Sane e Ludobus del Comune, insieme per un programma all’insegna dell’ecosostenibilità, del gioco e dello stare insieme

Anche quest’anno Friuli Doc promuove l’ecosostenibilità, il gioco e lo stare insieme. I Giardini del Torso saranno la vetrina in cui alcune associazioni cittadine, Ateneo delle Idee, A.S.D. Faregiocare, UISP, con il supporto del Comune, ufficio Attività Turistiche, Agenzia per le politiche Ambientali, Ufficio Città Sane, Ufficio Ludobus, della Coopconsumatori Nordest, della UNIPOL assicurazioni, daranno vita all’iniziativa “Pic nic in città”, un modo per valorizzare e rivalutare il momento del pasto e dell’incontro e promuovere la qualità della vita basata su uno stile di vita sano e rispettoso dell’ambiente.

Il momento conviviale farà da cornice ad una serie di iniziative per coinvolgere famiglie, bambini e adulti in giochi, come gli scacchi, il cruciverba gigante, il tiro alla fune, o la proiezione di film anni ’30, promossi dall’associazione Ateneo delle idee.

Per i più piccoli, ma non solo, ci sarà la possibilità di seguire un laboratorio di mosaico, o praticare giochi di lancio e tradizionali promossi dal Ludobus, o partecipare al Gioco Ped’Ala l’energia, gioco dell’oca interattivo promosso dall’associazione Faregiocare.

La ludoteca rimarrà aperta durante le giornate di Friuli DOC e verranno esposti i manifesti con tema il rispetto dell’ambiente realizzati dai Centri Ricreativi Estivi in collaborazione con Agenzia per le politiche Ambientali e ufficio Progetti educativi.

Ci saranno inoltre momenti dedicati alla promozione dell’attività fisica con la ginnastica per tutti e i gruppi di cammino promossi da Ufficio Città Sane e UISP.

Infine, alcuni gruppi musicali, come il DJ Kappah, DJ Gargamella, il gruppo bandistico “Armonia – Sedegliano” proporranno intrattenimenti musicali per tutte le età.

Novità di questa edizione, da venerdì a domenica alle 11.30 sotto la Loggia del Lionello

“FRIULI DOC QUOTIDIANO”, OGNI GIORNO UNO SPAZIO CON I PROTAGONISTI DELLA KERMESSE

Martina Riva intervisterà i tanti attori coinvolti per la grande rassegna enogastronomica, tra curiosità, dati,  anticipazioni ed eventi in programma.

La redazione




NOVARA : LE CHIAVI DELLA CITTÀ ALLA SCUOLA

La prossima settimana inizia l’anno scolastico. La giunta comunale, che ha posto fin dall’inizio delle sue attività la scuola come una delle priorità più importanti, ha dato in questi primi mesi corso ad una serie di azioni amministrative dirette a qualificare e sostenere l’attività delle scuole.  Alla conferenza stampa “collettiva” della giunta, a cui erano presenti il sindaco Andrea Ballarè, il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Nicola Fonzo, l’assessore all’istruzione Margherita Patti e l’assessore al sistema dei beni e delle attività culturali Paola Turchelli è stato presentato un resoconto delle attività svolte dalla nuova amministrazione e delle future iniziative che interesseranno il mondo della scuola. Gli assessorati coinvolti, istruzione, edilizia e cultura, stanno lavorando sinergicamente per «creare una rete che migliori il servizio scolastico a 360°» afferma l’assessore Margherita Patti, «abbiamo creato un coordinamento insieme a docenti e dirigenti delle istituzioni scolastiche per ascoltare le esigenze, valorizzare le eccellenze ed essere presenti concretamente sul territorio». Oltre all’assemblea di coordinamento sarà a breve messo in funzione un ufficio dedicato unicamente ai servizi scolastici; gli istituti in questo modo dovranno indirizzare le loro richieste ad un unico interlocutore che si farà carico di smistarle gli uffici comunali competenti, accelerando e semplificando le procedure. In ambito edilizio invece, il vicesindaco Fonzo, afferma «stiamo continuando le azioni di ammodernamento intraprese dalla precedente amministrazione. Vogliamo che le scuole siano luoghi sani e belli e ci accertiamo personalmente che i lavori siano compiuti come si deve». Entro settembre saranno inoltre licenziati il piano di lavoro e le tempistiche per la sostituzione dei tetti in eternit con impianti fotovoltaici.

Corrispondente : Francy Caserta per la REDAZIONE