venerdì , 22 febbraio 2019
Notizie più calde //
Home » Attualità » Volley Serie A1F: seconda sconfitta consecutiva per l’Igor Novara
Volley Serie A1F: seconda sconfitta consecutiva per l’Igor Novara

Volley Serie A1F: seconda sconfitta consecutiva per l’Igor Novara

image_pdfimage_print

Seconda battuta di arresto per l’Igor Gorgonzola Novara, nel campionato di serie A1 femminile di volley. Dopo la sconfitta nel week-end di fine ottobre con la Foppapedretti Bergamo, anche sabato 5 novembre ha dovuto cedere alla bravura e alla determinazione del Pomì Casalmaggiore, vincitrice dell’ultima Champions League.

La partita si è rivelata, sin dai primi punti, combattuta e molto partecipata, anche dal pubblico presente: ben 3500 spettatori, quasi sold-out, si sono dati appuntamento al PalaIgor per assistere a due ore di pura battaglia tra le squadre scese in campo; lunghi scambi, azioni da maestro ed anche una forte tensione e voglia di fare bene hanno caratterizzato l’atmosfera elettrizzata del palazzetto. Ma nonostante tutti gli sforzi, le padrone di casa hanno dovuto cedere alla superiorità, soprattutto dal punto di vista tattico, delle avversarie che hanno sbagliato poco o niente, dimostrando una sicurezza e un’incisività che a volte mancava alle novaresi, troppo spesso in affanno.
Il problema principale delle ragazze bianco-azzurre è stata una forte altalenanza in difesa, con grandi attacchi avversari, spesso impossibili, recuperati ma altrettanti pallonetti e pallette lasciate cadere perché le giocatrici erano troppo ferme e peccavano nella comunicazione tra di loro. Le precise indicazioni di Fenoglio “Copriamo il pallonetto, non deve cadere” non sono servite per smuovere le ragazze a fare di meglio in questo fondamentale e la partita non poteva che finire inevitabilmente in questo modo.

L’Igor scende in campo con Susnjar opposta a Dijkema, Chirichella e Bonifacio al centro, Piccinini e Plak in banda e Sansonna libero; Caprara, allenatore del Casalmaggiore, decide per Fabris (ex-giocatrice di Novara) opposta a Lloyd, Stevanovic e Gibbemeyer al centro, Tirozzi e Bosetti in banda e Sirressi libero.
Il primo set, giocato punto a punto, vede però, già dopo le prime azioni, il Pomì in vantaggio e Novara costretta continuamente a inseguire; i tanti errori in battuta delle ragazze di Caprara le permettono di recuperare ulteriormente fino al 14-15, ma le varie soluzioni in attacco delle avversarie, e la loro potenza, mettono in seria difficoltà la seconda linea, non permettendo un contrattacco incisivo.
L’Igor deve cedere così il primo parziale alla squadra ospite, ma non si arrende e la sua reazione, nel secondo set, è a dir poco esplosiva: la difesa ritorna ad essere maggiormente efficiente e in attacco inizia un vero duello tra la Barun e l’avversaria Fabris, una battaglia fatta di duri colpi e di efficaci pallonetti. Entra in gioco anche Chirichella, che finalmente trova un’intesa con la palleggiatrice Dijkema; nonostante i maggiori errori in attacco rispetto al Pomì, le novaresi si aggiudicano il set. Gli spettatori hanno assistito ad un vero spettacolo sul set-point dell’Igor: un’azione lunga e intensa ha tenuto tutti i presenti con il fiato sospeso, li ha fatti urlare, applaudire, incitare, scaldando in poco tempo l’atmosfera. Un errore della Piccinini ha permesso al Casalmaggiore di continuare a combattere per aggiudicarsi il parziale, ma ci ha pensato Bonifacio a interrompere ogni speranza avversaria.
Nel terzo set, le ragazze bianco-azzurre entrano in campo cariche, cariche di grinta e di aspettative, e le varie soluzioni in attacco sono la dimostrazione di una sicurezza apparentemente ritrovata: in particolare, le pipe di Pietersen e Barun rompono il gioco avversario e permettono a Novara di procedere velocemente verso il tanto atteso traguardo. Ma la serenità dura poco perché non si erano ancora fatti i conti con Fabris: il suo turno di battuta e i successivi attacchi, incisivi anche da seconda linea, portano nuovamente a dominare il Pomì il quale, senza troppa fatica, con l’Igor invece in affanno, si aggiudica il set.
Il quarto parziale parte nuovamente in equilibrio ma pian piano iniziano ad evidenziarsi i problemi delle padroni di casa in difesa, ai quali si aggiungono quelli a muro, con le ragazze che non riescono a trovare il tempo giusto per contrastare l’attacco avversario. L’ordine perentorio di Fenoglio, durante un time-out, “Non si deve mollare un centimetro!” trova difficoltà ad essere eseguito, nonostante, per quanto possibile, si continua a combattere. Un favoloso attacco in parallela di Bosetti segna la seconda sconfitta dell’Igor Novara in questa stagione di campionato.

Le bianco-azzurre hanno una settimana per ritrovare quella sicurezza, determinazione e anche una maggior comunicazione, prima di dover nuovamente scendere in campo: l’appuntamento della quinta giornata è fissato per domenica 13 novembre, alle 17, presso il PalaIgor di Novara.

Igor Volley Novara – Pomì Casalmaggiore 1-3 (20-25, 25-21, 17-25, 21-25)
Igor Volley Novara: Alberti ne, Cambi ne, Plak, D’Odorico 1, Donà, Pietersen 14, Bonifacio 5, Chirichella 10, Sansonna (L), Piccinini 10, Dijkema 1, Zannoni (L) ne, Barun Susnjar 18. All. Fenoglio.
Pomì Casalmaggiore: Bacchi ne, Lloyd 6, Peric ne, Sirressi (L), Turlea, Gibbemeyer 10, Bosetti 12, Gibertini (L) ne, Guerra, Fabris 24, Stevanovic 11, Tirozzi 11. All. Caprara.

(Foto Paolo Migliavacca)

Sonia Bosio

About Sonia Bosio

Sonia Bosio

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top