domenica , 5 Luglio 2020
Notizie più calde //
Home » Attualità » RILEVAZIONE IODIO 131: L’AIEA INDIVIDUA LA FONTE

RILEVAZIONE IODIO 131: L’AIEA INDIVIDUA LA FONTE

image_pdfimage_print

Lo iodio 131 è uno dei pricipali prodotti della fissione nucleare di plutonio ed uranio. È un isotopo radioattivo il cui periodo di decadenza, e quindi la pericolosità, è di otto giorni. Fino alla settimana scorsa in molti paesi europei era stata rilevata l’anomala presenza di iodio 131 nell’atmosfera. Una presenza che sembra non essere stata pericolosa per la popolazione ma che, data la sua provenienza ignota, era fonte di preoccupazioni. Inizialmente si era pensato potesse essere causata dal disastro nucleare di Fukushima e si era arrivati ad ipotizzare che una nuova catastrofe avesse avuto luogo nella centrale al confine tra Slovenia e Croazia. I paesi che hanno rilevato anomalie nell’atmosfera sono stati principalmente quelli dell’Europa centrale, ma anche Francia e Austria hanno trovato delle tracce dell’isotopo radioattivo nell’atmosfera. La presenza più alta è stata registrata in Repubblica Ceca. Quattro giorni fa la svolta. L’AIEA ( Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica) ha scoperto che la fuga aveva avuto luogo in Ungheria ed era durata dall’otto settembre al sedici novembre. Fortunatamente lo stabilimento in questione non era una centrale nucleare ma un impianto di produzione di materiali redioattivi per l’industria e per usi medici. Alcune domande sorgono comunque spontanee: perchè i media italiani non si sono occupati di questa notizia? Le rilevazioni nel nostro Paese non hanno segnalato anomalie, ma i confini ci sono sulla carta e non nell’atmosfera, saremmo comunque stati interesati dalla notizia. Perchè la presenza anomala di un isotopo radioattivo, potenzialmente pericoloso, nell’atmosfera di mezza Europa è potuta durare più di due mesi? Io tutt’ora non so rispondermi.

Luca Artico

© Riproduzione riservata

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top