venerdì , 24 novembre 2017
Notizie più calde //
Home » Attualità » “L’incerto: un gruppo teatrale friulano” Bottega Errante Edizioni in libreria
“L’incerto: un gruppo teatrale friulano” Bottega Errante Edizioni in libreria
Udine, 21/03/2005 - Prove "Garage 77" con Teatro Incerto - Fabiano Fantini, Claudio Moretti, Elvio Scruzzi - Foto Luca d'Agostino/Phocus Agency © 2005

“L’incerto: un gruppo teatrale friulano” Bottega Errante Edizioni in libreria

image_pdfimage_print

“L’INCERTO: UN GRUPPO TEATRALE FRIULANO”, IL NUOVO LIBRO DI BOTTEGA ERRANTE EDIZIONI IN LIBRERIA

IL TEATRO INCERTO – FABIANO FANTINI, CLAUDIO MORETTI E ELVIO SCRUZZI – PER LA PRIMA VOLTA SI RACCONTA SENZA PELI SULLA LINGUA E NE ESCE LA STORIA DI UN PEZZO FONDAMENTALE DELLA CULTURA FRIULANA
copertina Incerto“L’Incerto: un gruppo teatrale friulano”, nuovo libro pubblicato da BEE, Bottega Errante Edizioni, racconta la storia, gli aneddoti e le curiosità del’amatissimo Teatro Incerto, attualmente composto da Fabiano Fantini, Claudio Moretti e Elvio Scruzzi. Il libro, a cura di Mauro Daltin e Alessandro Venier, verrà presentato in anteprima ai “Colonos” di Villacaccia di Lestizza, all’interno della rassegna “Avostanis”, l’11 agosto alle ore 21:00.

Dalle origini a Gradisca di Sedegliano, dal Friuli di Mezzo ai registi che li hanno formati, dalla nascita dei loro grandi successi al Friuli che è cambiato insieme a loro: una riflessione a tutto campo su questa terra e sul mondo del teatro, sulla cultura e sull’amicizia.
Fabiano Fantini, Claudio Moretti e Elvio Scruzzi per la prima volta si raccontano senza peli sulla lingua e ne esce la storia di un pezzo fondamentale della cultura friulana.

Il libro, scritto con uno stile fresco e ironico, fatto di storie brevi con cui si riflette e si sorride, è un’opera collettiva con incursioni e interventi di Luca D’Agostino, Gigi Dall’Aglio, Elio De Capitani, Claudio De Maglio, Fabiana Dallavalle, Angela Felice, Rita Maffei, Paolo Medeossi, Stefano Montello, Gianfranco Napolitano, Paolo Patui, Federico Rossi, Silvana Schiavi Fachin, Massimo Somaglino, Luigina Tusini, Flavia Valoppi, Gianluca Valoppi, Glauco Venier.
Il libro prevede anche una sezione fotografica e una cronologia completa ed è un progetto editoriale che ha avuto il sostegno del P.I.C. Progetto Integrato Cultura del Medio Friuli e del Comune di Sedegliano e la collaborazione del CSS – Teatro stabile di innovazione del FVG, ente che ha prodotto e produce gran parte dei loro spettacoli.

Il Teatro Incerto nasce nel 1982 e alle origini era un gruppo numeroso e composito. Fra i loro spettacoli ricordiamo Le scarpe prendono piede (400 repliche); Four; Laris; Dentri; I mosaiciscj; Maratona di New York; Muradôrs; Garage 77; Don Chisciotte; Predis. Non si possono dimenticare i video, i libri, le letture sceniche, le pubblicità, le trasmissioni radiofoniche e televisive diventati pezzi della cultura friulana. Un libro che narra questa straordinaria cavalcata di successi e spettacoli, ma che vuole anche approfondire le loro singole storie, l’uso della lingua friulana, il loro modo di raccontare il mondo, il rapporto con il pubblico, i modelli a cui si sono ispirati…

In questi anni si vedono un sacco di documentari sui Genesis o sugli Who. Sono tutti gruppi in cui le persone sono rimaste fedeli a se stesse, magari con

Teatro Incerto - Prove de "Don Chisciotte" -  Foto Luca d'Agostino/Phocus Agency © 2011

Teatro Incerto – Prove de “Don Chisciotte” – Foto Luca d’Agostino/Phocus Agency © 2011

migrazioni importanti, percorsi interni e personali. Anche il Teatro Incerto è come i Genesis. Il segreto del loro successo e della longevità va ricercato nei caratteri. Moretti è un uomo che mi ricorda Antonio Catania, per l’ironia mordace distruttiva. Poi anche Fantini non scherza. Scruzzi lo conosco meno ma posso solo immaginare… Li prendo in giro ovviamente, però la cosa divertente di tutto questo è che nella diversità e nell’attrito vengono fuori le cose più interessanti. Nei gruppi mediamente medi, con caratteri simili, escono cose meno interessanti. Spero che continuino a lanciare sfide, a se stessi e ad altri. Il teatro è pieno di morti che camminano. Attori e registi vagano con la testa girata indietro, incapaci di guardarsi per quello che sono adesso e per provare a reinventarsi. In molte occasioni la cosa bella del Teatro Incerto è stata mutare forma, trovare idee e Teatro Incerto è un bellissimo nome. È un nome magico. Hanno inventato la precarietà, anche se “Teatro Precario” sarebbe riduttivo, Teatro Incerto è più filosofico. Il Teatro Incerto è una delle compagnie, per assurdo, con cui ho avuto più rapporti nel corso degli anni. La nostra è una storia personale. Sono una strana realtà che mette insieme caratteri diversi di persone e diventa un qualcosa che muta forma nel tempo con una propria originalità.
(Elio De Capitani)

Bottega Errante Edizioni

“L’incerto: un gruppo teatrale friulano” è il secondo libro pubblicato da BEE, Bottega Errante Edizioni, il nuovo marchio editoriale dell’Associazione culturale Bottega Errante (www.bottegaerrante.it). Una casa editrice nuova che lavora sul territorio del Nord Est con una particolare attenzione verso il Friuli Venezia Giulia. Accanto alla collana “Gli Erranti” con Ediciclo Editore, BEE è in libreria con “Guarneriana segreta” di Angelo Floramo.

I curatori:

Mauro Daltin, narratore, lavora come editor e organizzatore di eventi e rassegne culturali. Tra i suoi libri: Friuli Venezia Giulia (Touring Editore), I piedi sul Friuli e L’ultimo avamposto del mondo (Biblioteca dell’Immagine), Officina Bolivar (Ediciclo Editore, finalista al Premio Albatros). Cura corsi di scrittura creativa ed è docente di scritture di viaggio al Master in Editoria dell’Università Cattolica di Milano.

Alessandro Venier ha collaborato con il CSS – Centro Servizi Spettacoli Teatro stabile di Innovazione del Friuli Venezia Giulia, con la Mostra del Cinema di Venezia e con il Festival Internazionale del Film di Roma. Video maker, spesso recita e legge in pubblico, ha fatto parte per anni della redazione del Messaggero Veneto Scuola.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

Comments

comments

Scroll To Top