mercoledì , 24 aprile 2019
Notizie più calde //
Home » Attualità » La ballata di Johnny e Gill” di Fausto Paravidino Teatro Rossetti Trieste
La ballata di Johnny e Gill” di Fausto Paravidino Teatro Rossetti Trieste

La ballata di Johnny e Gill” di Fausto Paravidino Teatro Rossetti Trieste

image_pdfimage_print

Debutta martedì 5 febbraio alle 20.30 alla Sala Assicurazioni Generali del Politeama Rossetti La ballata di Johnny e Gilldi Fausto Paravidino, un progetto a cui il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia ha partecipato con grande interesse entrando in rete con altre istituzioni nazionali e estere oltre allo Stabile di Torino, il Théâtre Liberté di Toulon, il Théâtre La Criée di Marsiglia e LesThéâtres de la Ville de Luxembourg.

Tra i più importanti e rappresentati drammaturghi europei, Fausto Paravidino costruisce un grande progetto internazionale sul mito della Torre di Babele e sulla storia di Abramo, il patriarca delle tre grandi religioni monoteiste. Suo il testo e la regia de La ballata di Johnny e Gill, nel quale gli spunti dalle Sacre Scritture si trasformano in racconto picaresco. Una commedia che mescola lingue e linguaggi teatrali, luoghi, culture, speranze.

Paravidino ha iniziato ad affrontare il progetto dai laboratori per attori condotti con Iris Fusetti a New York, Ginevra, Tolone e Lussemburgo sul senso della storia di Abramo e del sacrificio di Isacco. Il tema del Libro si attualizza in quello del viaggio, della migrazione, della patria perduta, dellabbandono della propria cultura, dellessere stranieri tra stranieri.

«Il percorso di creazione di questo spettacolo è completamente inedito per mespiega infatti fausto Paravidino ed è iniziato più di due anni fa quando Iris Fusetti ed io abbiamo pensato di fare uno spettacolo internazionale dove si incontrassero lingue diverse e diversi linguaggi teatrali. Siamo partiti dal mito della Torre di Babele, abbiamo girato pagina e abbiamo visto che dopo Babele cominciava la storia di Abramo: il patriarca delle tre grandi religioni monoteiste. Dio confonde le lingue. Poi dice ad Abramo: «Vattene dal tuo paese, dalla tua patria e dalla casa di tuo padre, verso il paese che io ti indicherò».
Non gli dice dove. Abramo parte. Dio stabilisce un rapporto speciale con Abramo basato sulla ricerca di un altrove.
E Abramo stabilisce un rapporto con Dio basato sul dire Eccomialla ricerca di un altrove. Questuomo non sta scappando né da una guerra né da una carestia. Dio gli ha detto quel che gli ha detto e lui ha risposto: Eccomi. Così Iris ed io siamo andati a New York, che è dove normalmente gli Europei come noi emigrano, a cercare di capire la storia di Abramo.
Siamo stati stranieri tra stranieri e abbiamo cominciato a cercare indizi e a fare laboratori di ricerca teatrale sul mito di Babele e sulla storia di Abramo. La sua storia è molto bella, contiene tante avventure che ci parlano in maniera immediata e alcune cose che invece per noi sono misteriose. La Bibbia è un libro sacro che parla di Dio, ma è anche un mito che parla delluomo»

«()Abbiamo formato una compagnia e ci siamo concentrati insieme su questa ricerca» continua lautore e regista. «Abramo è diventato Johnny, Sara è diventata Gill, la Bibbia è diventata una ballata, dalla scrittura biblica è emersa una forte componente picaresca. Il racconto della storia di Abramo non procede per quindicome nel dramma moderno, ma per e poi, come in Tom Jones o nel Candide. È uno spettacolo che venendo dalla torre di Babele cerca di ficcare i denti in lingue e linguaggi diversi: è in italiano, francese e inglese, contiene contaminazioni di teatro danza, cinema, pantomime e teatro musicale.

E soprattutto è una grande avventura, che seguendo una famiglia che cerca fortuna affrontando il viaggio e i suoi mille pericoli parla un podi Dio e molto di noi»

La ballata di Johnny e Gill è scritto e diretto da Fausto Paravidino, lideazione è di Iris Fusetti e Fausto Paravidino. Lo spettacolo è interpretato da Federico Brugnone, Iris Fusetti, Fatou Malsert, Daniele Natali, Tibor Ockenfels, Fausto Paravidino e Aleph Viola. Le scene sono di Yves Bernard, le luci di Pascal Noël, video di Opificio Ciclope, i costumi di Arielle Chanty, le maschere di Stefano Ciammitti, le musiche di Enrico Melozzi, la coreografia di Giovanna Velardi, aiuto regia Maria Teresa Berardelli.

Lo spettacolo va in scena al Politeama Rossetti per la stagione Prosa del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia dal 5 al 10 febbraio, dal martedì al sabato le recite iniziano alle 20.30, di domenica c’è la pomeridiana, con inizio alle ore 16.

I biglietti ancora disponibili si possono acquistare nei consueti punti vendita e circuiti oppure in internet accedendo direttamente dal sito del Teatro, www.ilrossetti.it. Per ogni informazione ci si può rivolgere al numero 040. 3593511.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top