venerdì , 22 settembre 2017
Notizie più calde //
Home » Attualità » IL CONTRABBASSISTA TRATTO DA IL CONTRABBASSO DI SUSKIND Dal 5 al 7 maggio – Teatro Manhattan ROMA
IL CONTRABBASSISTA TRATTO DA IL CONTRABBASSO DI SUSKIND  Dal 5 al 7 maggio – Teatro Manhattan ROMA
Tiziano Storti

IL CONTRABBASSISTA TRATTO DA IL CONTRABBASSO DI SUSKIND Dal 5 al 7 maggio – Teatro Manhattan ROMA

image_pdfimage_print

Uno dei monologhi più arguti, struggenti ed esilaranti degli ultimi 30 anni nati dalla mente geniale di Patrick Suskind, Il Contrabbasso – ormai un classico della drammaturgia mitteleuropea – da cui è tratto Il Contrabbassista della Compagnia Appiccicaticci, sarà in scena dal 5 al 7 maggio al Teatro Manhattan di Roma.

Il protagonista di questo monologo è un contrabbassista, terzo leggìo dell’Orchestra di Stato, diviso fra l’amore e l’odio per questo strumento, fra l’orgoglio di essere lo strumento più importante dell’orchestra e la frustrazione di essere sempre quello dell’ultima fila.

Con un’energia trascinante il contrabbassista oscilla fra la voglia di rivalsa nell’orchestra così come nella vita all’amore per una mezzasoprano, Sarah, per la quale architetterà un folle piano di conquista. L’incessante passare del tempo lo obbliga poi a fare i conti con quelle scelte passate che hanno determinato il suo status di artista, a fare i conti con quello strumento così ingombrante e così decisivo nella sua esistenza, il contrabbasso per l’appunto.

Il Controbassista diventa così un flusso di coscienza, un flusso di emozioni e di passioni che travolge lo spettatore proiettandolo con una dolceamara ironia nella parabola tragicomica della vita del protagonista.

Cast: Tiziano Storti   Regia: Eleonora Cecconi

INFORMAZIONI  TEATRO MANHATTAN  via del Boschetto, 36 (rione Monti)

Venerdì 5 e sabato 6 maggio ore 21.00
Domenica 7 maggio ore 18.00

Biglietti: 10 euro (+ 2 tessera teatro)   Infoline: 349.2900839

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

Comments

comments

Scroll To Top