venerdì , 4 Dicembre 2020
Notizie più calde //
Home » Attualità » Festival Internazionale di Musica da Camera: Cervo is magic
Festival Internazionale di Musica da Camera: Cervo is magic

Festival Internazionale di Musica da Camera: Cervo is magic

image_pdfimage_print

Cervo is magic! Slogan completamente azzeccato per il Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo giunto quest’anno alla 53ª edizione.
La serata di ieri nella Piazza dei Corallini è stata pura magia per tutti i presenti che sono accorsi numerosissimi per assistere al concerto di Stefano Bollani, jazzista italiano tra i più conosciuti a livello planetario, e del resto dell’orchestra: Daniele Sepe, uno dei musicisti più influenti della sua generazione, al sassofono, Nico Gori, appassionato interprete dello stile jazz, al clarinetto e Jim Black un grande, e giovane, batterista americano.
“Sold out” inevitabile per una serata come questa, colma di tante aspettative, soprattutto per gli spettatori, la maggior parte dei quali turisti, e di piacevoli, quanto indiscusse, conferme.

E’ magia il luogo in cui si è svolto l’evento. L’ormai famosa Piazza dei Corallini, di notte, assume un fascino senza paragoni e crea un’atmosfera tutta particolare, affacciandosi sulla distesa marina che si congiunge al cielo stellato. Un connubbio perfetto di natura e di architetture storiche che rendono questo luogo una cornice suggestiva, ideale per un Festival così importante e di livello internazionale.

E’ magia il “Stefano Bollani Quartet”. I quattro artisti hanno dato vita ad un’improvvisazione, basata anche su “Napoli Trip”, il cd di Bollani, uscito il 27 maggio e dedicato alla città partenopea, al quale hanno partecipato numerosi artisti; una performance talmente coinvolgente che era impossibile per i presenti non muoversi al tempo di musica, tanto che, per alcuni, le scale sono diventate una pista da ballo sulla quale accennare qualche passo. In fondo, come giustamente ha sottolineato Sepe, “il jazz non è fatto per stare seduti”.
Coloro che chiudevano gli occhi per “assaporare” meglio la musica, si sono persi gran parte dello spettacolo: si, perché magia era anche guardarli, vedere come le loro mani si muovevano veloci sui tasti del piano o sul sassosofono e clarinetto o come le bacchette sbattevano rapidamente sulla batteria; percepire la loro carica ed energia, non solo dalla loro musica, ma anche da loro stessi che si muovevano a ritmo con tutto il corpo, trasudando passione e… jazz. Ciascuno di loro ha eseguito anche delle singole improvvisazioni e il risultato è stato da urla e applausi a non finire.
Ma magia è stata anche la loro complicità, la loro intesa, il loro fare musica anche pestando i piedi sul palco, il loro divertirsi per divertire: uno spettacolo in tutti i sensi.

Grande soddisfazione per l’intera organizzazione e per Walter Norzi, il direttore artistico del Festival, che ha colto l’occasione per ricordare i prossimi due appuntamenti: il 23 luglio alle ore 21.30 si esibirà, presso la Piazza dei Corallini, Andrew Tyson (primo premio assoluto Géza Anda Piano Competition di Zurigo, ed. 2015); il 24 luglio, sempre ore 21.30, presso il Parco del Ciapà (area naturalistica di Cervo), sarà invece il turno dei Liguriani con lo spettacolo “Suoni dai mondi liguri” in cui verranno evocate le immagini e i sentimenti della cultura e delle tradizioni liguri.
Per maggiori informazioni: www.cervofestival.com

 

Sonia Bosio

About Sonia Bosio

Sonia Bosio

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top