venerdì , 28 luglio 2017
Notizie più calde //
Home » Spettacolo » Arte e mostre » DAVID CASINI Leggero,misurato.Ci si abitua presto 29 Ago-4 Ott.2014 Galerie Plutschow & Felchlin Waldmannstrasse 6, Zürich

DAVID CASINI Leggero,misurato.Ci si abitua presto 29 Ago-4 Ott.2014 Galerie Plutschow & Felchlin Waldmannstrasse 6, Zürich

image_pdfimage_print

La Galerie Plutschow & Felchlin presenta Leggero, misurato. Ci si abitua presto, la prima mostra personale di David Casini nella città di Zurigo.

momento_Nei lavori di David Casini è evidente la presenza di una percezione elastica del tempo che appare pronto a slanci inaspettati in avanti come indietro, atti a recuperare stili artigianali e materiali di epoche passate per visioni futuristiche dall’accento scientifico, o per meglio dire alchemico.
L’opera risulta caricata di una energia del tutto nuova capace di far coesistere elementi eterogenei molto diversi tra loro che insieme danno origine a nuove simbologie. Come un collezionista, l’artista imprigiona i reperti che raccoglie secondo curiose geometrie, in equilibri delicati, quasi impalpabili.le_pause_sono_brevi_ed_eterne_2
Protagonista delle geometrie è soprattutto l’ottone, materiale scelto dall’artista per la sua preziosità elegantemente retrò. Come una partitura le sottili strutture in metallo scandiscono lo spazio: i pieni e i vuoti, le pause e i ritorni rappresentati da lievi oggetti colorati e da entità organiche o geologiche, che danno vita ad un’esecuzione armonica ascoltabile solo attraverso la visione.
Le accelerazioni e le inversioni temporali della mostra riuniscono insieme riferimenti all’arte antica (il David di Michelangelo), moderna (Fausto Melotti) e contemporanea, il tutto inglobato in un microcosmo che attira lo spettatore verso un’attenta osservazione dei suoi dettagli, un’appropriazione visiva che lo rende in breve tempo familiare.
Il paesaggio italiano, e in particolare quello toscano, di cui l’artista è originario, viene reinterpretato, esaltato attraverso la manualità e la ricerca di un artigianato storico quasi in via di estinzione, come quello della lavorazione delle lastre di pietra del fiume Arno, che fanno da base e sfondo alle teche.

Le sculture di Casini sono articolate ma nello stesso tempo il vuoto è l’elemento essenziale per consentire una più intima osservazione degli elementi, per una lettura esatta della partitura.

About Carlo Liotti

Carlo Liotti
Giornalista Pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti da Aprile 2013. Dottore in Scienze e Tecnologie Alimentari. Appassionato di fotografia e di viaggi, socio fondatore della Fedarmax, capo redattore de ildiscorso.it, reporter per Viva la Vida on The Road.

Commenti chiusi.

Comments

comments

Scroll To Top