mercoledì , 17 ottobre 2018
Notizie più calde //
Home » Attualità » AL VIA ENOARMONIE 2018 A CIVIDALE DEL FRIULI. La dodicesima edizione si aprirà domenica 28 gen
AL VIA ENOARMONIE 2018 A CIVIDALE DEL FRIULI. La dodicesima edizione si aprirà domenica 28 gen

AL VIA ENOARMONIE 2018 A CIVIDALE DEL FRIULI. La dodicesima edizione si aprirà domenica 28 gen

image_pdfimage_print

CIVIDALE Musica di qualità e degustazioni dei migliori vini della regione. “Enoarmonie” inaugura la dodicesima edizione e, per l’occasione, arriveranno in regione Angelo Foletto, critico musicale del quotidiano “La Repubblica”, Giovanni Bietti, Valentina Lo Surdo, Luca Damiani e altre apprezzate voci di Radio3 Rai, assieme a grandi interpreti ed ensemble. I critici, scelti tra i maggiori musicologi italiani, proporranno abbinamenti tra la grande musica da camera e i migliori vini di alcune tra le più apprezzate aziende del Friuli Venezia Giulia. L’evento è promosso dall’associazione Sergio Gaggia di Cividale, con il sostegno della Regione Fvg, della Fondazione Friuli e della Banca Popolare di Cividale. L’inaugurazione è in programma domenica 28 gennaio, alle 18, alla tenuta dell’azienda Jermann, a Ruttars di Dolegna. Obiettivo della manifestazione è tracciare una contaminazione creativa e sinestetica, scoprendo, nel corso degli appuntamenti in programma, intersezioni e coincidenze tra il lessico musicologico e il glossario del sommelier. «La giornata della memoria – anticipa il presidente della Gaggia, Andrea Rucli – sarà il magnete degli abbinamenti e delle sinestesie proposte da Giovanni Bietti, il noto musicologo e divulgatore della terza rete radiofonica Rai, molto seguito soprattutto nelle sue “Lezioni di musica”, in onda ogni sabato mattina». I brani, attinenti alla ricorrenza, saranno eseguiti dal Trio di Mantova, formato da Paolo Ghidoni al violino, Antonio Mostacci Mostacci al violoncello e Leonardo Zunica al pianoforte. «Si tratta – precisa Andrea Rucli – di un ensemble cameristico che continua, in naturale prosecuzione, l’esperienza del Trio Matisse, ospite nelle più importanti società di concerti italiane, quali l’Unione Musicale di Torino, Settembre Musica Torino, la Società dei Concerti di Milano, l’Estate Fiesolana, l’Accademia Filarmonica di Roma, i concerti in

Giovanni Bietti

diretta radiofonica Radio 3 del Quirinale, Ravello Festival, MiTo, e tante altre». In abbinamento alle musiche proposte sarà possibile degustare e vini dell’azienda Jermann, da decenni leader del settore vitivinicolo in Friuli e all’estero. Il concerto avrà un’anteprima a Cividale, sabato 27 gennaio, alle 18, al salone degli stucchi della Somsi. Giovanni Bietti e Umberto Berti presenteranno due importanti pubblicazioni musicali: “Lo spartito del mondo”, in anteprima nazionale, edito da Laterza, e “Convergenze, esercizi di divulgazione musicale”, volume recentemente edito su iniziativa della Gaggia dalla Lim di Lucca. Sarà presentato anche un terzo libro: “Bobi Bazlen, l’ombra di Trieste”, della cividalese Cristina Battocletti, pubblicato dalla Nave di Teseo. Dialogherà con l’autrice il giornalista Gianpaolo Carbonetto.

Giovanni Bietti

GIOVANNI BIETTI: Oltre all’attività di scrittore, tiene regolarmente lezioni-concerto, direttamente al pianoforte, in alcuni tra i più prestigiosi enti italiani: Teatro alla Scala, Teatro La Fenice, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Teatro dell’Opera di Roma, Teatro Regio di Torino, Teatro Petruzzelli di Bari, Teatro Massimo di Palermo, Teatro Bellini di Catania, Festival Mito-Settembre Musica di Torino e Milano, Bologna Festival, Teatro Lirico di Cagliari, Ravello Festival, Teatro Regio di Parma, Sferisterio di Macerata, Teatro delle Muse di Ancona, Teatro Valli di Reggio Emilia, Festivaletteratura e Orchestra da Camera di Mantova, Orchestra Sinfonica Siciliana. E’ anche un critico professionista nel campo enogastronomico. E’ stato per anni degustatore della guida “Vini d’Italia” dell’Espresso e ha pubblicato 5 volumi dedicati ai vini naturali d’Italia.

About Redazione

Redazione
Il discorso è composto da idee, parole, fatti ed esperienze con il fine di in-formare coscienze libere e responsabili. Le cose sono invisibili senza la luce, le parole sono vuote senza un discorso.

Commenti chiusi.

[fbcomments]
Scroll To Top