A tutto swing (e non solo): l’estate del Giovanni da Udine si colora con il Gorni Kramer Quartet

 È un viaggio nella musica senza confini quello che il Gorni Kramer Quartet proporrà al pubblico mercoledì 8 luglio 2020, con inizio alle ore 21.00, dal palcoscenico di Teatro Estate 2020, la prima rassegna estiva en plein air del Teatro Nuovo Giovanni da Udine.

 

Attraversando l’Europa per giungere fino all’America Latina, il celebre quartetto guidato dal fisarmonicista fuoriclasse Sebastiano Zorza e dai non meno talentuosi ed affiatati Marko Feri alla chitarra, Aleksandar Paunović al contrabbasso e Giorgio Fritsch alle percussioni ci guiderà in un percorso tutto dedicato allo swing e non solo.

L’ensemble è molto apprezzato dal pubblico internazionale per le sue coinvolgenti riletture di brani del grande musicista e fisarmonicista Francesco Gorni Kramer, nome fra i più popolari della musica italiana fra gli anni Quaranta e Cinquanta.  Al centro del programma troveremo dunque immancabilmente le sue hit, ma anche il valzer musette francese di Richard Galliano per arrivare alle influenze che questo stile ebbe su un particolare e vastissimo repertorio della musica brasiliana del tutto diverso dal samba e dalla bossa nova.

Insomma, quello che apre la serie dei quattro concerti in programma sul palcoscenico all’aperto del Teatro Nuovo Giovanni da Udine è un appuntamento capace di accendere l’entusiasmo del pubblico più eterogeneo. “Le condizioni particolari e i vincoli imposti da una situazione del tutto eccezionale come quella che stiamo vivendo ci hanno stimolato a ricercare per questa stagione estiva proposte musicali molto diverse rispetto a quelle cui è abituato il nostro pubblico, ma non per questo meno affascinanti e strutturate – sottolinea il direttore artistico musica Marco Feruglio -. I quattro concerti che proporremo sono infatti dedicati ad altrettanti generi musicali che hanno avuto ed hanno tuttora un’importanza e un’influenza fondamentali nella musica popolare internazionale. Per la scelta degli interpreti, siamo stati senz’altro agevolati dalla fortuna di avere nella nostra Regione degli eccellenti musicisti, veri specialisti in alcuni dei repertori che potremo ascoltare in questa rassegna”.

 

Teatro Estate 2020 proseguirà il 17 luglio con Mio eroe di Giuliana Musso. Inno alla pace e alla sacralità della vita, lo spettacolo ha conquistato nel 2017 i prestigiosi premi teatrali Cassino off e Hystrio alla drammaturgia e conferma l’attrice vicentina di origine e udinese di adozione fra le maggiori esponenti del teatro di narrazione e d’indagine.

 

 

 

SPETTACOLI IN TUTTA SICUREZZA

L’accoglienza e la gestione del pubblico di spettacoli seguono le misure di sicurezza per la prevenzione e il contenimento della diffusione del Covid-19 previste dalle linee guida regionali (termo scanner per il rilevamento della temperatura, postazioni per l’igienizzazione delle mani, uso della mascherina). È inoltre sempre garantito il distanziamento di 1 metro fra le persone. In caso di pioggia gli spettacoli si svolgeranno all’interno del Teatro.

BIGLIETTERIA

La biglietteria di via Trento 4 è aperta al pubblico da martedì a venerdì dalle 9.30 alle 12.30. Nei giorni di spettacolo dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 18.00 fino all’inizio della rappresentazione. Si invita il pubblico ad acquistare in prevendita il proprio biglietto elettronico senza file al botteghino e senza costi di commissione. I biglietti possono essere richiesti all’indirizzo biglietteria@teatroudine.it indicando nome, recapito telefonico, titolo e data dello spettacolo, numero dei titoli richiesti. Per informazioni: tel. 0432 248418; biglietteria@teatroudine.it (servizio attivo negli orari di apertura della biglietteria).

Mercoledì 8 luglio 2020 – ore 21.00

Gorni Kramer Quartet

SWING ALL AROUND

 

Sebastiano Zorza fisarmonica

Marko Feri chitarra

Aleksandar Paunović basso elettrico e contrabbasso

Giorgio Fritsch batteria e percussioni




Teatro Verdi Gorizia Al via Verdid’estate con l’omaggio a De Andrè di Voltalacarta. Aperte le prenotazioni dei biglietti

Sarà l’omaggio a Fabrizio De Andrè di #Voltalacarta a inaugurare giovedì 9 luglio alle 20.30 Verdid’estate, la rassegna estiva del Verdi di Gorizia che sarà ospitata dal Teatro stesso. Una scelta, quella della location, tutt’altro che casuale, determinata dalla volontà del Comune di Gorizia di permettere ai cittadini di riappropriarsi del Verdi dopo il lock down. Quello che non ho è il titolo dello spettacolo che sarà proposto: l’intento è quello di raccontare De Andrè a 20 anni dalla sua scomparsa, non solo dal punto di vista musicale, ma dell’artista a tutto tondo, emblema di un cantautorato che ha tracciato un solco indelebile nella musica italiana e non solo. Tutti gli spettacoli di Verdid’estate, dieci complessivamente, avranno inizio alle 20.30, con un biglietto unico di ingresso a 3 euro, che potrà essere prenotato tramite il form a cui si può accedere con l’apposito link sul sito del Teatro (http://www1.comune.gorizia.it/teatro/) o acquistato a partire da due giorni prima dello spettacolo in biglietteria dalle 17 alle 19 (esclusi sabato e domenica), oltre che dalle 19 alle 20 la sera stessa della rappresentazione. Solo per lo spettacolo di giovedì 9 si potrà prenotare da oggi fino a lunedì 6. La prenotazione è consigliata ma non obbligatoria: non sarà possibile prenotare via mail o al telefono. Per consentire lo svolgimento della rassegna in sicurezza, gli spettatori avranno a disposizione 80 posti, tutti in Platea, in modo da consentire il distanziamento. Sarà obbligatoria la mascherina fino al momento in cui gli spettatori saranno seduti al loro posto e saranno forniti gel disinfettanti per le mani.




FRANCESCA MICHIELIN stella dell’estate di Udine. Per la Notte Bianca del 1° agosto c’è invece il tributo agli U2 dei Seven Eleven

Si arricchisce il calendario dei concerti estivi del Castello di Udine. Dopo gli annunci dei giorni scorsi degli spettacoli di Massimo Ranieri, Musici di Guccini, Peppino Di Capri, Pink Sonic, Arturo racconta Brachetti, Morgan e #Voltalacarta, Marlene Kuntz e Marco Masini, ecco ufficializzati oggi altri due importanti appuntamenti. Il primo in ordine di tempo sarà sabato 1° agosto, con il concerto dei Seven Eleven, fra i più seguiti tributi agli U2 del Nordest, evento inserito nel programma festeggiamenti della Notte Bianca e di Udine sotto le stelle. Ad arricchire la serata il set di e-Lisa, talentuosa dj e producer friulana. Il concerto è a ingresso libero, ma con prenotazione obbligatoria, da effettuare scrivendo una mail all’indirizzo concerti@azalea.it, fino ad esaurimento posti, regolamento completo su www.azalea.it. Il secondo appuntamento vedrà protagonista il prossimo 10 agosto la splendida Francesca Michielin, star del pop italiano, fra le cantautrici e polistrumentiste italiane che maggiormente hanno saputo imporsi negli ultimi anni, trovando il favore sia del pubblico che della critica. Sul palco del Castello l’artista porterà tutti i suoi successi. I biglietti per il concerto (inizio alle 21.30), saranno in vendita online su Ticketone.it dalle 11.00 di venerdì 3 luglio e in tutti i punti vendita dalle 11.00 di mercoledì 8 luglio. Info e punti vendita su www.azalea.it .

 

“Anche quest’anno, nonostante tutte le difficoltà, ce l’abbiamo fatta: il primo agosto Udine avrà la sua notte bianca, per l’occasione accompagnata dall’energia dei Seven Eleven, celebre tribute band degli U2 e dalla dj e-Lisa. Non solo: il 10 agosto, nell’ambito di UdinEstate 2020, la città ospiterà, nella meravigliosa cornice del piazzale del Castello di Udine, la bravissima Francesca Michielin. Si tratta di due importanti appuntamenti che, assieme a Udine Vola, rassegna musicale organizzata a Azalea.it in Castello, e a Udine sotto le stelle, sono il segnale chiaro della volontà di ripartire e di guardare al futuro con fiducia e ottimismo”. Maurizio Franz – Assessore alle attività produttive, turismo e grandi eventi del Comune di Udine

“Non credo sia un caso che, sia nelle fasi più difficili dell’epidemia, sia oggi, nella fase di ritorno alla normalità, le persone abbiano trovato un motivo di conforto e di speranza nel linguaggio universale della musica. È anche per questo motivo che, come Amministrazione, abbiamo voluto puntare molto su questo tipo di intrattenimento, capace di emozionare e di richiamare appassionati da oltre Regione e oltre confine. Non può che farci piacere poi che i “Seven Eleven”, straordinaria tribute band di uno dei gruppi più famosi e seguiti di sempre, gli U2, che si esibirà il primo agosto in occasione della notte bianca, assieme alla dj e-Lisa, e Francesca Michielin, che si esibirà il 10 agosto in Castello, siano artisti italiani. Perché non dobbiamo dimenticare che quando si parla di arte si parla di artisti che ogni giorno lavorano duramente per migliorare con il proprio talento la vita delle persone. È anche grazie a loro se abbiamo trovato e troveremo sempre di più l’energia e l’entusiasmo per tornare alla normalità più forti di prima”. Fabrizio Cigolot – Assessore alla cultura del Comune di Udine

La musica non si ferma. Francesca Michielin lo ripete in ogni occasione fin dall’inizio di questi tempi difficili e lo ribadisce anche all’inizio di questa estate annunciando “Spazi Sonori”, una serie di appuntamenti esclusivi che la vedranno solo per i prossimi mesi sui palchi allestiti, in piena sicurezza e nel rispetto delle disposizioni governative, in alcune tra le più particolari location del nostro Paese. Francesca Michielin è fra le cantautrici italiane che maggiormente hanno saputo imporsi negli ultimi anni, trovando il favore sia del pubblico che della critica. Raggiunge la notorietà nel 2011 vincendo la quinta edizione di X Factor. Un arrivo che è stato solo un punto di partenza per l’artista: il singolo di debutto, “Distratto”, ha subito raggiunto la prima posizione, venendo certificato disco multiplatino. Durante la sua carriera ha vinto un Premio Videoclip Italiano, un Wind Music Awards e un Premio Lunezia, oltre ad essersi classificata seconda al Festival di Sanremo 2016 con il brano “Nessun grado di separazione”, risultato che l’ha consacrata come artista dalla grande maturità, nonostante l’età ancora giovane. Ad oggi ha pubblicato quattro album in studio, l’ultimo dei quali, “Feat (stato di natura)” nel 2020. Ha collaborato con diversi artisti della scena musicale attuale italiana, tra cui Calcutta, Tommaso Paradiso, Cosmo, Carl Brave, Charlie Charles, Coma_Cose e Fabri Fibra.

Il gruppo dei Seven Eleven nasce nel 2011 dall’unione di quattro musicisti da anni impegnati nella scena musicale friulana, accomunati da una grande passione per la musica dalla band irlandese U2. Quella che nasce è una Tribute Band che fa della passione per la musica e la cura del sound il suo punto di forza e che dopo qualche cambio in corsa, trova solidità nella formazione attuale formata da Jon Vox (Vocals), Nico (Bass guitar), Ivano (Drums), Dave (Guitars & Vocals). La band ripropone i più grandi classici degli U2 dai primi album fino agli ultimi lavori curando nei minimi dettagli i suoni e gli arrangiamenti rispettando tutte le caratteristiche che hanno reso famosi gli U2 nel mondo. I will follow, One, New year’s day, Sunday bloody sunday, Beautiful Day, Pride, Elevation, Where the streets have no name, Vertigo, With or without you sono solo alcuni dei brani proposti dai Seven Eleven che presenta un vasto repertorio in grado di soddisfare tutti i fan della band irlandese. e-Lisa, dj e producer friulana, nei suoi set ama rivisitare i più grandi successi dance sia con inediti mash-up sia con l’utilizzo di strumentazioni analogiche. Negli ultimi anni ha suonato in importanti festival come il Wish Outdoor a Lignano Sabbiadoro e aperto i concerti di grandi band e artisti come Martin Garrix, Subsonica, Sfera Ebbasta, Samuel, Giuliano Palma e Finley.




NO BORDERS MUSIC FESTIVAL 2020 “L’UOMO TRACCIA CONFINI, LA MUSICA LI SUPERA”

Oggi il No Borders Music Festival annuncia una star internazionale e due star nazionali: saranno Luka Sulic dei 2Cellos, Brunori Sas ed Elisa i primi tre grandi protagonisti a calcare il palco della storica 25° edizione del festival, rispettivamente sabato 25 luglio, domenica 26 luglio e sabato 1 agosto (tutti i concerti inizieranno alle ore 14:00), ai Laghi di Fusine, i laghi di origine glaciale posti alla base della catena montuosa del Gruppo del monte Mangart, che saranno raggiungibili solamente in bicicletta e a piedi per una immersione totale nella natura, in grado di mostrare le sue infinite gamme di colore dipingendo il bosco e i laghi con sfumature uniche, rendendo ancora più magico questo sito. I biglietti per i concerti (prezzo simbolico di 5 euro più diritti di prevendita) saranno in vendita a partire dalle ore 10:00 di venerdì 10 luglio solamente online su Ticketone.it. Tutte le info sono consultabili sul sito ufficiale www.nobordersmusicfestival.com

La musica – afferma Tiziana Gibelli, Assessore alla Cultura della Regione FVG – può essere

ELISA

una importante forma culturale e al tempo stesso un importante mezzo di comunicazione, come nel caso del No Borders Music Festival che da anni è riuscito a valorizzarla oltre i confini geografici, etnici, sociali e soprattutto linguistici. Il No Borders si è confermato inoltre come un festival sensibile e sostenibile dal punto di vista ambientale, promuovendo attraverso la musica alcuni dei siti naturalistici più importanti della regione e quest’anno lo farà in sicurezza, rispettando le prescrizioni e garantendo una corretta applicazione della normativa in vigore”.

Luka Sulic © Simone Di Luca

All’inizio di maggio la star mondiale del violoncello Luka Sulic aveva scelto le montagne del Tarvisiano per registrare la sua versione di “Nothing Else Matters” dei Metallica e la “Cello Suite N°1” di Johann Sebastian Bach, due video che in poche settimane hanno totalizzato oltre 2 milioni di visualizzazioni e sabato 25 luglio ritornerà proponendo un nuovo progetto speciale che inaugurerà la 25esima edizione del No Borders Music Festival: un concerto tra pop, rock e classica assieme al pianista crossover Evgeny Genchev.

Per domenica 26 luglio è fissato un graditissimo ritorno, quello di Brunori Sas,

BRUNORI SAS

appena aggiudicatosi il Premio Tenco con l’ultimo album “Cip!”, miglior album italiano del 2020, che dopo l’indimenticabile concerto piano e voce di due anni fa a Sella Nevea sul Monte Canin, si esibirà ai Laghi di Fusine in trio, accompagnato Dario Della Rossa alle tastiere e Massimo Palermo alla batteria. Sabato 1 agosto, sempre alle ore 14:00 sul palco dei Laghi di Fusine, sarà la volta di Elisa, cantautrice, polistrumentista e produttrice musicale tra i nomi italiani più importanti di sempre con 26 Dischi di Platino, il Disco di Diamante e le collaborazioni con grandissimi star come Luciano Pavarotti, Ennio Morricone, Tina Turner, Dolores O’Riordan, Andrea Bocelli, Imagine Dragons e tanti altri. Il suo ultimo brano “Andrà tutto bene”, scritto e composto con Tommaso Paradiso insieme a tutti i fan in diretta social in pieno lockdown, è stato scelto dal Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo per una importante campagna istituzionale al fine di sensibilizzare le donazioni per affrontare l’emergenza covid–19.

Non capita tutti i giorni – afferma Sergio Emidio Bini, Assessore alle Attività Produttive e al Turismo del Friuli Venezia Giulia – di poter ascoltare la grande musica nei luoghi più incantati della nostra montagna. L’idea del festival è infatti quella di realizzare la musica dal vivo in contesti naturalistici di grande fascino, come i laghi di Fusine, l’altopiano del Montasio e la catena montuosa del Canin, osservando tutte le norme di sicurezza e le relative prescrizioni.

Un’offerta musicale che spazia da un genere all’altro, senza confini proprio come il suo significato letterale, che fonde il linguaggio internazionale della musica con l’identità e la specificità di questi luoghi che sono al confine con altri due stati, l’Austria e la Slovenia. Il No Borders – conclude Bini – non è soltanto un evento musicale ma un prezioso elemento di attrattività turistica, che porta turisti nazionali e stranieri, amanti della musica e della natura, che magari arrivano qui per la prima volta per scoprire poi quelle che saranno le mete dei loro prossimi viaggi”.

La grandezza di un evento – dichiara il Sindaco di Tarvisio, Renzo Zanette – non viene determinata solo dai numeri, bensì dalla sua proposta e dalla sua capacità di farne parlare e soprattutto di raccontarsi, questo è sempre stato il pensiero alla base del nostro festival, oggi ancora più di ieri”.

Il No Borders Music Festival è organizzato dal Consorzio di Promozione Turistica del Tarvisiano, Sella Nevea e Passo Pramollo, in collaborazione con Regione Friuli Venezia Giulia, PromoTurismoFVG, Fondazione Friuli, Crédit Agricole Friuladria, BIM, Comune di Tarvisio, Allianz Assicurazioni, il Comune di Chiusaforte, Gore-Tex, ProntoAuto e Mastertent.

Media partner Radio Deejay e Sky Arte. Tutte le info sul sito www.nobordersmusicfestival.com




Al via il 10 luglio il XXIV FVG International Music Meeting Sacile EstateMusicale

Non si ferma il XXIV FVG International Music Meeting Sacile Estate Musicale che, nonostante la pandemia Convid 19 che ha colpito nei mesi scorsi, riprenderà, seppure rimodulato rispetto la programmazione iniziale. Dopo l’avvio online con la rassegna #MusicaSenzaConfini che ha accompagnato il periodo di Lockdown dal 18 marzo all’8 maggio con oltre 40 video pubblicati sui social, l’Associazione Ensemble Serenissima, presieduta dal prof. Mario Zanette, ha deciso infatti di non annullare uno dei più importanti eventi internazionali che, oltre a godere della coorganizzazione del Comune di Sacile e del sostegno della Regione Fvg, ha già ottenuto anche l’alto patrocinio del Parlamento Europeo. Confermate quindi la maggior parte delle cattedre delle masterclass estive programmate dal 10 luglio al 30 agosto con docenti di alta professionalità didattica  presso i conservatori di stato e concertisti di prestigio in campo internazionale fra i quali Ulrike Hofmann, primo violoncello della Stuttgart Radio Symphony Orchestra, Gergely Jàrdànyi, fra i contrabbassisti più quotati a livello mondiale, Luca Simoncini, violoncellista del Nuovo Quartetto Italiano, Davide Zaltron, Stefania Redaelli, Alessandro Commellato, Luca Braga, Stefano Viola, Francesca Scaini.

La 24a edizione del Meeting, dal titolo “Ri-creare: bordi, confini, forme”, rimanda all’esigenza di superare i perimetri esistenti per promuovere un nuovo modo di fare musica attraverso la contaminazione di stili, forme e culture, a favore della fluidità dei generi, sottolineando l’evoluzione, attraverso la nostra storia, verso un nuovo futuro. Sono programmate infatti diverse prime assolute per celebrare il 600° dalla fine del Patriarcato di Aquileia con una Messa per coro e orchestra a partire da spunti musicali tratti dal Graduale Aquileiese rivisitati in un linguaggio moderno commissionata al compositore pesarese Danilo Comitini e il 250° dalla nascita di Beethoven con un brano per orchestra e gruppo rock commissionata al compositore Walter Poles che si ispira ai temi della 5^ Sinfonia. Due proposte in cui il passato si lega al mondo contemporaneo e il classico si fa moderno annullando distanze tra tempi, modi e mode, confini appunto.

Di grande rilievo il 5th International Composition Prize SEM 2020, concorso internazionale di composizione, che ha visto la sua conclusione lo scorso 16 giugno. La giuria, presieduta dal M° Daniele Zanettovich e composta dai compositori Gilberto Bosco (Italia), Dimitri Cervo (Brasile), Ferrer Ferràn (Spagna), Donald Sosin (USA), ha valutato le quasi cento partiture giunte da tutto il mondo assegnando il primo premio al giovanissimo Luca Rizzo, venticinquenne di Palermo, con il brano Fanjingshan valutato come un’opera ben scritta e orchestrata che sa emozionare grazie all’ottimo controllo della tensione e dell’armonia. Il concerto di premiazione, con l’esecuzione in prima assoluta della partitura vincitrice, inizialmente programmato per il 26 luglio, sarà rinviato a settembre. Il Meeting, che nella sua interezza proseguirà anche in autunno, proporrà inoltre un ampio cartellone concertistico di alto profilo con grandi virtuosi, gruppi cameristici, ensemble di musica antica e un ricco programma collaterale di incontri storici, artistici e musicologici. Un progetto che mette al centro la musica e che unisce tradizione ed innovazione, abbracciando un vasto repertorio, dalle grandi produzioni a programmi carichi di significati culturali, alle prime esecuzioni con proposte molteplici e gratuite.