AdessoCinema, la nuova piattaforma online che mette a disposizione film e documentari legati al Friuli Venezia Giulia

Tina Modotti in Tiger's Coat

Tina Modotti in Tiger’s Coat

Il Visionario di Udine, Cinemazero di Pordenone e la Cineteca del Friuli continuano ad arricchire ogni settimana l’offerta di titoli messi a disposizione sul sito, accessibile dal link sottostante:

www.adessocinema.it

Le pellicole messe a disposizione dalla Cineteca del Friuli sono fruibili gratuitamente, mentre quelle del Visionario e di Cinemazero costano 3 Euro.

Tra i titoli più interessanti offerti dalla Cineteca del Friuli spicca Tiger’s Coat, del 1920, di Roy Clements, che vede come protagonista Tina Modotti, che interpreta una ragazza messicana che dopo diverse peripezie sposa un ricco uomo d’affari americano. Si tratta dell’unica pellicola superstite dell’esperienza hollywoodiana della fotografa, attrice e attivista politica udinese.

Molte pellicole della Cineteca vedono il Friuli come protagonista, a partire da Gli ultimi, capolavoro di Vito Pandolfi, pellicola ispirata dal racconto di David Maria Turoldo Io non ero un fanciullo.

Molto interessante anche I sentieri della Gloria – In viaggio con Mario Monicelli sui luoghi della Grande Guerra, reportage prodotto dalla Cineteca del Friuli che segue il regista del film La Grande Guerra, vincitore del Leone d’Oro, nei set cinematografici friulani dove venne girato, nel 1959.

Da segnalare anche il documentario la Città di Angiolina, di Gloria De Antoni e Oreste De Fornari, documentario che ci riporta ai tempi in cui è stato girato il film Senilità, di Mario Bolognini, ispirato dall’omonimo romanzo di Italo Svevo. Un film che aveva come protagonisti Angiolina, interpretata da Claudia Cardinale, e la città di Trieste.

Tra i titoli offerti dal Visionario, da segnalare tre piccole perle della Tucker Film: la favola on the road The Special Need, di Carlo Zoratti, che racconta la normalità della diversità; Parole Povere, di Francesca Archibugi, un ritratto di Pierluigi Cappello, inestricabilmente intrecciato con la terra e il popolo del poeta friulano; The New Wild, di Christopher Thomson, documentario che apre una finestra su un Friuli del quale non siamo consapevoli, legato al graduale spopolamento di borghi e paesi sempre più isolati, che vengono riconquistati dalla natura, e dei quali rimangono solo storie e ricordi.

Interessanti tre documentari proposti da Cinemazero, di Gideon Bachmann, che ruotano intorno alla figura di Fellini: Ciao Federico!, Fellinikon e FMM – Fellini, Mastroianni, Masina. Da segnalare anche Tinissima! Il dogma e la Passione, documentario che ricostruisce la vita dell’attrice, fotografa e attivista friulana, partendo dalla sua infanzia a Udine.

AdessoCinema offre quindi un’ampia offerta di pellicole, che possiamo fruire comodamente seduti nel divano di casa nostra. In attesa che la pandemia COVID-19 allenti la presa, ridando fiato alla nostra vita sociale e permettendoci – finalmente – di ritornare nelle sale cinematografiche.




6 MAGGIO 2020 – FOLKEST IN OCCASIONE DEL 44° ANNIVERSARIO DEL TERREMOTO DEL ’76 IN FRIULI VENEZIA GIULIA, PUBBLICA ON LINE “ORCOLAT ’76”

FOLKEST 2020 IN OCCASIONE DEL 44° ANNIVERSARIO DEL TERREMOTO DEL ’76 IN FRIULI VENEZIA GIULIA, PUBBLICA ON LINE  “ORCOLAT ’76”, IL RACCONTO  DEL SISMA DI SIMONE CRISTICCHI E SIMONA ORLANDO.  

Duomo Gemona del Friuli – foto Walter Menegaldo

Spilimbergo 3 maggio – Il 6 maggio 2020, in occasione del 44° anniversario del terremoto del ’76 che scosse il Friuli Venezia Giulia, sulla pagina Facebook di Folkest, dalle ore 6.00 saranno pubblicati  alcuni spezzoni video salienti dello spettacolo “Orcolat ’76”, il racconto del sisma scritto da Simone Cristicchi e Simona Orlando, interpretato dallo stesso cantautore romano insieme con Francesca Gallo e con la partecipazione straordinaria di Maia Monzani.

Fortemente sostenuto dalla Provincia di Udine insieme alla Città di Gemona del Friuli, che ha coinvolto importanti eccellenze del territorio in ambito musicale come la Mitteleuropa Orchestra e il Coro del Fvg (preparato dal Maestro Cristiano Dell’Oste) entrambi diretti dal Maestro Valter Sivilotti, e realizzato in collaborazione con Folkest e l’associazione Canzoni di Confine, lo spettacolo fu

Duomo Gemona del Friuli – foto Walter Menegaldo

interamente ripreso nell’anno 2016 nel duomo di Gemona del Friuli da Folkest Film, per la regia di Claudia Brugnetta, e sono davvero molte le persone che hanno manifestato il desiderio di rivedere quest’opera che narra attraverso molte testimonianze, la storia della tragedia e della rinascita del Friuli Venezia Giulia dopo il sisma.

La messa on line, gratuitamente fruibile, di alcuni momenti salienti dello spettacolo è uno degli eventi calendarizzati da Folkest in attesa di poter incontrare il suo pubblico dal vivo e per il 2021 in occasione dei 45 anni dal terremoto, Folkest sta già lavorando per proporre un significativo evento che potrà svolgersi proprio a Gemona del Friuli.

Foto Walter Menegaldo 

E.L.