Cambia la data della 24° Gran Fondo Via del Sale, si correrà l’11 ottobre

COMUNICAZIONE UFFICIALE

24ma Granfondo Via del Sale
spostata dal 19 aprile all’11 ottobre

“L’essere umano deve sempre affrontare due grandi problemi: il primo è sapere quando cominciare; il secondo è capire quando fermarsi.” (Paulo Coelho)

Ci sono tempi di semina, altri di raccolto, alcuni in cui fermarsi è la cosa giusta da fare, per sé e per gli altri. Nel difficile momento attuale, determinato dall’emergenza internazionale Coronavirus, il Comitato Organizzatore della Granfondo Via del Sale Fantini Club in accordo con l’Amministrazione Comunale e gli enti territoriali e allineandosi alla campagne di prevenzione da contagio promosse dalla presidenza del Consiglio dei Ministri, ha preso la decisione di spostare la data della 24ma edizione della GF Via del Sale dal 19 aprile a domenica 11 ottobre 2020.

Si tratta di una decisione sofferta, ma necessaria, in quanto la situazione attuale non garantirebbe la completa sicurezza della manifestazione e la salute dei partecipanti, aspetto prioritario e imprescindibile.

“Siamo tutti chiamati ad un gesto di responsabilità, al quale certamente non vogliamo sottrarci come organizzazione, proprio in considerazione del fatto che amiamo il nostro territorio e il nostro paese. Siamo certi che tutti gli amici ciclisti possano comprendere questa scelta, ed essere con noi a Cervia dal 9 all’11 ottobre per vivere in serenità un grande week end di festa e di eventi per tutta la famiglia, in occasione della 24ª Granfondo Via del Sale Fantini Club”.

Il comitato organizzatore della Granfondo Via del Sale Fantini Club.

Vai al sito

Per ogni informazione in merito al cambio data, ti invitiamo a rimanere aggiornato sui nostri canali ufficiali di comunicazioni, o ad inviare una mail a info@granfondoviadelsale.com.

L’ufficio sarà chiuso nei prossimi giorni per garantire a tutti igiene e sicurezza, ti risponderemo il prima possibile.




Esce il video di “NERO”, il brano sul caporalato dei Grace N Kaos, vincitore del Premio Amnesty Emergenti 2019

ANCORA APERTO IL BANDO 2020 DEL CONTEST PER CANZONI SUI DIRITTI UMANI

Si intensificano le attività in vista della 23a edizione del festival “Voci per la Libertà – Una canzone per Amnesty”, in programma dal 17 al 19 luglio a Rosolina Mare (Rovigo).

Da quest’anno c’è una opportunità in più per gli artisti che si iscriveranno al bando per il Premio Amnesty International Italia nella sezione Emergenti, riservato a brani sui diritti umani in qualsiasi lingua o dialetto e di qualsiasi genere musicale. Gli artisti che si iscriveranno entro il 16 marzo avranno infatti la possibilità di aggiudicarsi il Premio MEI Musplan, contest collaterale a quello principale (che scadrà invece lunedì 4 maggio). Il bando di concorso è disponibile sul sito www.vociperlaliberta.it . I semifinalisti saranno otto in totale: oltre al vincitore del Premio MEI Musplan, gli altri sette saranno selezionati tra tutti gli iscritti al bando. Gli otto si esibiranno durante “Voci per la Libertà – Una canzone per Amnesty”.

Molti i premi in palio, fra cui la produzione di un video del brano vincitore. Proprio in questi giorni è uscito quello della band che ha prevalso nella scorsa edizione, i Grace N Kaos. La canzone è “Nero” e tratta il tema dello sfruttamento del lavoro. Il video, realizzato da “Andrea Artosi – studioartax”, rielabora visualmente il testo della canzone, ma senza essere didascalico e lasciando aperte varie interpretazioni. L’idea è quella di accendere i riflettori su una piaga che colpisce tutti indistintamente e incentivare la lotta contro il caporalato e ogni forma di soppressione della dignità nel lavoro. Il videoclip è stato realizzato all’interno della suggestiva cornice della Romanina Eventi a Crespino (Rovigo). 

Il videoclip è ora disponibile sul canale YouTube della band: https://youtu.be/hVQ5A9A5PdM

Grazie ad un bando del NUOVOIMAIE, realizzato con i fondi dell’articolo 7 L. 93/92 e vinto dal festival “Voci per la Libertà”, i Grace N Kaos sono entrati nel roster dell’agenzia Maninalto! e quest’estate saranno in tour in tutt’Italia. Ad anticipare il tour sarà un concerto il 25 aprile a Verona in occasione dell’Assemblea Generale di Amnesty International Italia.

Il brano “Nero” è anche all’interno del cd-book “20×22”, un’opera che vuole ricordare la scorsa edizione di “Voci per la Libertà”. Nel booklet, a fianco di ciascun brano compare un’illustrazione di un artista contemporaneo che ha rappresentato la canzone con una sua opera. Il cd “20×22” non è solo un prodotto fisico (distribuito tramite Amnesty International Italia, l’associazione Voci per la Libertà e sul sito www.apogeoeditore.it) ma anche un progetto multimediale visionabile su www.20×22.it, che vede alternarsi illustrazioni, musiche, fotografie, luci, video e grafiche.

Intanto Amnesty International Italia e Voci per la Libertà hanno annunciato le dieci canzoni candidate quest’anno al Premio Amnesty International Italia nella sezione Big. Un riconoscimento che va a brani sui diritti umani pubblicati da nomi affermati della musica italiana nell’anno precedente. Sono in lizza (elencati in ordine alfabetico per artista): Brunori Sas con “Al di là dell’amore”, Niccolò Fabi con “Io sono l’altro”, Levante con “Andrà tutto bene”, Fiorella Mannoia con “Il peso del coraggio”, Motta con “Dov’è l’Italia”, Willie Peyote con “Mostro”, Daniele Silvestri con “Qualcosa cambia”, Tre allegri ragazzi morti feat. Pierpaolo Capovilla con “Lavorare per il male”, Margherita Vicario con “Mandela”, The Zen Circus con “L’amore è una dittatura”. Il vincitore, che sarà premiato durante la prossima edizione di “Voci per la Libertà”, viene scelto da una folta giuria di composta da giornalisti, conduttori radiofonici e televisivi, intellettuali, addetti ai lavori, referenti di Amnesty International e di Voci per la Libertà.

Ufficio stampa: Monferr’Autore




LIBRI, PORDENONELEGGE LANCIA OGGI #IORESTOACASAELEGGO

PARTE OGGI, MARTEDI’ 10 MARZO, CON 4 VIDEO DIFFUSI SUI SOCIAL DI PORDENONELEGGE, L’INIZIATIVA SOLIDALE ALL’”ITALIA IN PAUSA”. I CONSIGLI DI SIMONE MARCUZZI, ANDREA MAGGI, LORENZA STROPPA, ENRICO GALIANO E DEGLI ALTRI AUTORI E AUTRICI CHE STANNO INVIANDO IN QUESTE ORE I LORO VIDEO.

DA PORDENONELEGGE SCATTA L’INVITO A SCRITTRICI E SCRITTORI ITALIANI, PERCHE’ I PROSSIMI GIORNI DONINO I LORO CONSIGLI VIDEO AI LETTORI ITALIANI GRANDI E PICCOLI: SARANNO DIFFUSI SUI SOCIAL DI PORDENONELEGGE.

PORDENONE – L’Italia è in pausa. Per responsabilità verso di noi e verso gli altri dobbiamo il più possibile evitare gli spostamenti: è un sacrificio, ma può anche diventare un momento di crescita. Per questo pordenonelegge ha invitato alcuni amici scrittori e scrittrici a riconoscersi ed unirsi nell’hashtag #iorestoacasaeleggo con #pordenonelegge, che si collega ovviamente a quello più noto in rete questi giorni, donando i propri consigli di lettura attraverso brevi video pillole della durata di un minuto. Sessanta secondi per raccontare a tante amiche e amici i libri che suggeriscono di sfogliare in queste settimane di attesa, dai social di pordenonelegge su facebook, instagram e twitter. Libri per passare il tempo, libri per ridere o pensare, libri per conoscere altri mondi, libri come antidoti per l’ansia. Perché le storie ci sostengono, anche nei periodi difficili. #iorestoacasaeleggo con #pordenonelegge parte oggi, martedì 10 marzo, con i primi quattro interventi di Simone Marcuzzi, Andrea Maggi, Lorenza Stroppa, Enrico Galiano: tante le suggestioni dei primi video, che inviteranno a sfogliare pubblicazioni affascinanti come “Quando ero piccola leggevo libri” di Marylinne Robinson (Simone Marcuzzi), “Il libro di tutti i libri” di Roberto Calasso (Andrea Maggi), “Il silenzio dell’onda” di Gianrico Carofiglio (Lorenza Stroppa) e “De profundis” di Oscar Wilde (Enrico Galiano). L’appuntamento si rinnoverà da oggi in poi con nuovi video che verranno ripresi dai social di pordenonelegge, i prossimi giorni: l’auspicio è che l’hashtag #iorestoacasaeleggo con #pordenonelegge abbia vita brevissima, naturalmente. Ma nel frattempo pordenonelegge lancia il suo invito a tante altre scrittrici, e scrittori, perché i video consigli di lettura si moltiplichino in questo lungo momento di resilienza del nostro Paese, e attende nuove adesioni e video consigli. Info www.pordenonelegge.it