L’Udinese vince in rimonta e conquista tre punti in ottica salvezza.

L’Udinese batte 3-2 l’Empoli in rimonta alla Dacia Arena e conquista tre punti chiave in ottica salvezza. Toscani due volte avanti con belle combinazioni che mandano in rete Caputo e Krunic ma De Paul   prima (gran destro da fuori area) e poi su rigore prepara la rimonta friulana che si concretizza al 45′ con la botta di sinistro di Mandragora. Il rosso a Zeegelaar nella ripresa fa sperare l’Empoli, ma le zebrette resistono e finiscono quasi in nove per infortunio di Opoku che sul finire di incontro resta in campo zoppicando. Gli ospiti ci provano fino alla fine ma il fortino bianconero resiste e l’Udinese porta a casa tre punti preziosi.

IL TABELLINO

UDINESE-EMPOLI 3-2
Udinese (3-5-2): Musso 7; Opoku 5,5, Ekong 5,5, Samir 6; Larsen 6, Fofana 5,5 (45′ st Sandro sv), Mandragora 7, De Paul 7,5, Zeegelar 4,5; Okaka 7 (21′ st De Maio 6), Lasagna 6,5 (37′ st Pussetto sv). A disp.: Nicolas, Perisan, Wilmot, Ter Avest, Badu, Ingelson, D’Alessandro, Micin, Teodorczyk. All.: Tudor 7
Empoli (3-5-2): Dragowski 5,5; Maietta 5 (27′ st Mchedlidze 5,5), Silvestre 5,5, Veseli 5; Di Lorenzo 5,5, Traorè 6 (36′ st Ucan sv), Bennancer 6, Krunic 7,5, Pajac 5,5 (1′ st Antonelli 6); Farias 6,5, Caputo 7. A disp.: Provedel, Perucchini, Nikolaou, Pasqual, Rasmussen, Capezzi, Brighi. All.: Andreazzoli 5,5
Arbitro: Orsato
Marcatori: 11′ Caputo, 14′ e rig. 41′ De Paul, 24′ Krunic, 45′ Mandragora
Ammoniti: Samir, Pajac, Mandragora, Maietta, Silvestre, Caputo
Espulso: Zeegelaar al 18′ st per somma di ammonizioni




A Sala Ichòs SAN GIOVANNI A TEDUCCIO(NA) AcCordian in concerto – 13 aprile ore 21

Si chiuderà in musica la 20° stagione di Sala Ichòs. Sabato 13 aprile, alle ore 21, per la rassegna MusIchòs si esibiranno in concerto gli “AcCorDian”.
Dianaerika Lettieri, cantante poliedrica da anni impegnata in numerosi progetti musicali e teatrali, sarà sul palco di San Giovanni a Teduccio con Armando Rizzo (fisarmonicista) e Corrado Cirillo (contrabbassista) – musicisti pluripremiati con alle spalle numerosi tour in Italia ed all’estero, fondano “AcCorDian”.

L’unione della voce col contrabbasso e la fisarmonica crea qualcosa di fresco ed originale. Chi dice che il jazz e soprattutto lo swing è una musica di nicchia, per appassionati o intellettuali, dimentica che c’è stato un tempo in cui questo genere è stato popolare e quasi inconsapevolmente tutti lo cantavano. Dalle vecchie radio e nei Jukebox erano presenti quei “motivetti” cantati dai nostri genitori o i nostri nonni, che piacciono ancora in tutto il mondo!

Così, gli AcCorDian ridanno lustro, con una formazione singolare ed originale, ad alcuni dei brani famosi nell’Era Swing italiana. Il repertorio propone artisti del calibro di Nicola Arigliano, Quartetto Cetra, Trio Lescano, Domenico Modugno, Carosone, Fred Buscaglione & more. Attivo per il pubblico di Sala Ichòs il servizio gratuito Vai a teatro in Navetta!

L’autobus preleverà gli spettatori a Napoli, in zona centro, il sabato alle ore 20.00 e la domenica alle 18 a piazza Borsa (adiacenze fermata metropolitana) e li accompagnerà nello spazio di San Giovanni a Teduccio. Garantito anche il ritorno, con destinazione finale sempre piazza Borsa. Il servizio è gratuito e attivo su prenotazione al numero 335 767 5152, indicando il cognome e il numero di passeggeri.




Solo il 10 APRILE – COMPANY WAYNE McGREGOR “AUTOBIOGRAPHY” – Teatro POLITEAMA Rossetti Trieste

Per la prima volta a Trieste la Company Wayne McGregor, presenta Autobiography

Rappresenta uno dei momenti più alti del cartellone Danza, la presenza della Company Wayne McGregor in, creato nellottobre 2017 e accolto trionfalmente allo Sadlers Wells di Londra.

Autobiographycon la Company Wayne McGregor rappresenta uno dei momenti più alti del cartellone Danza dello Stabile regionale e la prima occasione per Trieste di confrontarsi con un coreografo geniale e pluripremiato a livello internazionale come Wayne McGregor, che negli stessi giorni in cui Autobiographyva in scena al Rossetti (per una sola serata, mercoledì 10 aprile) è impegnato sia nel West End di Londra per il debutto del musical Sweet Charityal Donmar Warehouseche al Teatro alla Scala dove firma il balletto Woolf Workscon Alessandra Ferri.

Autobiographycreato nellottobre 2017 e accolto trionfalmente allo Sadlers Wells di Londra è una delle sue opere più interessanti e rappresentative.

Nato nel 1970, Wayne McGregor ha portato nella danza contemporanea innovazioni coraggiose che lhanno radicalmente ridefinita: la sua sperimentazione, spinta da uninsaziabile curiosità per il movimento e le sue potenzialità creative, lo ha indotto infatti a dialogare con altre forme artistiche, discipline scientifiche e con la tecnologia. Interazioni che hanno dato vita a opere davvero affascinanti, multidimensionali e che hanno mantenuto il coreografo costantemente in una posizione davanguardia nel panorama contemporaneo.

Motore creativo della sua ricerca è lo Studio Wayne McGregora Londra e ne è strumento la sua Compagnia, fondata nel 1993 ed oggi Compagnia Residente del Sadlers Wells. Composto da ballerini altamente qualificati, questo ensemble ha consentito al coreografo di evolvere il suo stile esprimendosi e lavorando sul corpo in modo sempre più preciso, ambizioso e articolato. Per la Company Wayne McGregor ha concepito oltre trenta opere, fra cui Autobiography, che al Rossetti catalizzerà anche lattenzione di chi si occupa di scienza, ed è inserito nel percorso ProESOF-2020 Trieste Capitale Europea della Scienza.

In Autobiography, infatti, Wayne McGregor mette in gioco letteralmente sé stesso, permettendo ad alcuni tra i più importanti scienziati di genetica di mettere in sequenza il suo genoma completo, che diviene poi parte integrante dello spettacolo. Ispirandosi ad appunti, ricordi personali, frammenti di arte e musica che sono stati determinanti nel corso della sua esistenza, il coreografo ha creato un catalogodi movimenti: 23 volumidella vita, come il numero dei cromosomi che compongono il DNA umano.

Secondo i principi di duplicazione e mutazione anchessi propri del genoma, essi vengono articolati nella coreografia, selezionati e sequenziati nuovamente e diversamente in ogni performance.

La selezione è frutto di un algoritmo basato proprio sul codice genetico di McGregor: per ogni replica, un computer seleziona casualmente una sezione diversa del codice dal genoma del coreografo per determinare cosa vedrà il pubblico, quali danzatori eseguiranno la coreografia e in che ordine. Ogni sera, dunque, il pubblico prende parte a uno spettacolo unico e diverso.

Notevolissimo anche lallestimento di Autobiography, multimediale e accuratissimo, con un impianto video e illuminotecnico di immenso impatto e  non è da meno la colonna sonora, firmata da Jlin, acclamato musicista elettronico dai tagli ritmici travolgenti e ricchi di colorata euforia. Se Autobiographyrappresenta forse la più ardita sperimentazione di Wayne McGregor, molte sono le altre sfaccettature della sua eclettica personalità che vale la pena di menzionare: la sua audace riconfigurazione del linguaggio classico (è coreografo residente del Royal Ballet e crea regolarmente per le più importanti compagnie di balletto al mondo), la sua acclamata vena creativa per lopera, il teatro, e la curiosità per una molteplicità di ambiti e media, dal cinema (sue le coreografie di Harry Potter e il calice di fuoco, La leggenda di Tarzan, Animali fantastici 1 & 2), alla televisione, alle sfilate di moda.

Lo spettacolo va in scena soltanto mercoledì 10 aprile alle ore 20.30, alla sala Assicurazioni Generali del Politeama Rossetti ed è inserito nel cartellone Danzadel Teatro Stabile regionale.

I biglietti ancora disponibili si possono acquistare nei consueti punti vendita e circuiti oppure in internet accedendo direttamente dal sito del Teatro, www.ilrossetti.it. Per ogni informazione ci si può rivolgere al numero 040. 3593511.




Da venerdì 12 aprile alle ore 21,00 “GIACOMINO E MAMMA’” TEATRO SAN NAZZARO – NAPOLI

Da venerdì 12 aprile (sabato 13 ore 21.00 domenica 14 ore 18.00) al teatro Sannazaro, per la linea contemporaneo ricerca, sarà in scena lo spettacolo

Giacomino e mammà” tratto da “Conversaciones con Mamà” di Santiago Carlo Ovès e Jordi Galceran traduzione e adattamento di Enrico Ianniello con Isa Danieli ed Enrico Ianniello.

Se in Chiòve ci trovavamo all’ultimo piano di un immaginario condominio napoletano dei Quartieri Spagnoli, se in Giocatori c’eravamo spostati nello spazioso secondo piano – ricco solo di ricordi – che era la casa del Professore, il piccolo appartamento col terrazzino al primo piano di questo edificio drammaturgico è stavolta l’oggetto del desiderio attorno al quale ruota la vicenda del testo di Ovès e Galceran.”

Dopo le diverse fortunate esperienze di traduzione, adattamento e regia di testi di importanti autori contemporanei come Pau Mirò, Enrico Ianniello propone un nuovo fulminante esempio di drammaturgia iberica reinventata alle latitudini napoletane: Giacomino e mammà. Tratto da Conversaciones con mamà, pluripremiato film dello sceneggiatore e regista argentino Santiago Carlos Ovès, successivamente adattato per le scene internazionali dal drammaturgo catalano Jordi Galceran (l’autore de Il metodo Gronholm), l’allestimento vedrà insieme ad Enrico Ianniello una delle più apprezzate interpreti della scena italiana, alla sua prima collaborazione con Teatri Uniti: Isa Danieli, a dare corpo e anima all’ottuagenaria protagonista.

Giacomino, cinquantenne, deve vendere l’appartamento di famiglia in cui vive la madre ottantaduenne. Non attraversa un bel momento, Giacomino: ha perso il lavoro e si ritrova indebitato per star dietro ai desideri di consumo della moglie e dei figli adolescenti. La vendita potrebbe aiutarlo a rimettersi in sesto, certo, ma la madre non è affatto d’accordo. Non si può vendere proprio niente, lei adesso ha finalmente un fidanzato! Un simpatico sessantenne anarco-pensionato che ha dato una nuova luce alla sua vita! Le serve, la casa, non se ne parla nemmeno di andare a vivere con il figlio e la sua famiglia, relegata nella stanza della ex donna delle pulizie!

Questo momento di difficoltà diventa così l’occasione per mettere a confronto due epoche della vita, occasione nella quale l’amore tra una madre e un figlio viene a galla in maniera prorompente mentre si ride parlando di cucina, di quattro per quattro, della capacità di vivere inseguendo i propri sogni o le rate dei propri acquisti, tra saggezza, parolacce, incomprensioni e momenti di autentica e profonda commozione quando si scopre che a un certo punto della vita non si possono dire più, le cose importanti.

Prezzi: € 18+ € 2 di prevendita